Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Lun, Dic

Abbiamo 251 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Elezioni 4 marzo 2018: affluenza alle 19 58,44%, errori sulle schede elettorali, ritardi a Palermo

Elezioni 4 marzo 2018: affluenza

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ristampate nel capoluogo siciliano in 200 sezioni. Nella capitale 36 votano su schede errate, richiamati alle urne

Elezioni 4 marzo 2018: affluenza sfiora il 60%, errori sulle schede elettorali, ritardi a Palermo
Elezioni 4 marzo 2018: affluenza sfiora il 60%, errori sulle schede elettorali, ritardi a Palermo

 

Alle elezioni per il rinnovo della Camera alle ore 19 ha votato il 58,44% degli aventi diritto, quando mancano poche centinaia di comuni (7.592 su 7.958); alle ore 12 l'affluenza era stata del 19,39%. Lo rende noto il Ministero dell'Interno. Nella precedente tornata elettorale del 2013, che però si svolse in due giorni, alla stessa ora si era recato alle urne il 46,8%% degli elettori per la Camera.

Code per le operazioni di voto per l'elezione di Camera e Senato oltreché per il rinnovo dei consigli regionali di Lombardia e Lazio. In molti seggi ritardi, sospensioni delle operazioni di voto per errori sulle schede e lunghe file hanno provocato proteste. A Palermo apertura di 200 seggi in ritardo per la ristampa delle schede. E schede con i nomi dei candidati di Camera e Senato sbagliati in un seggio a Roma, dove la presidente ha sospeso le operazioni, svuotato l'urna di 36 schede già votate, e ha ripreso le operazioni con le schede corrette. I 36 elettori dovranno tornare a votare. Situazione analoga nel collegio di Rivolta Bormida e Castelnuovo Bormida, in provincia di Alessandria. A Mantova, nonostante le schede stampate riportino il simbolo del Pd senza il riferimento al candidato presidente Gori, il voto è regolare e gli elettori sono stati informati.

Alle elezioni per il rinnovo della Camera alle ore 12 ha votato il 19,43% degli aventi diritto. Lo si rileva dal sito del ministero dell'Interno. Nella precedente tornata elettorale del 2013, che però si svolse in due giorni, alla stessa ora si era recato alle urne il 14,94% degli elettori per la Camera.

Alle regionali della Lombardia alle ore 12 ha votato il 19,92%, rispetto al 16,18% della precedente tornata elettorale.

Alle regionali del Lazio alle ore 12 ha votato il 17,33%%, rispetto al 12,87% della precedente tornata elettorale.

Chiamati al voto oltre 46 milioni e mezzo di elettori per la Camera dei deputati, quasi 43 milioni per il Senato della Repubblica. Si eleggono 618 deputati e 309 senatori, 18 parlamentari estero. E' un Election Day, in quanto si vota anche per il rinnovo di Presidenza e Consiglio regionale di Lombardia e Lazio. Fari, anche dell'Ue puntati sul voto italiano, come sul referendum dell'Spd.

"Le code registrate in queste ore, anche in altre città italiane, sono dovute in gran parte alle nuove operazioni richieste per il tagliando antifrode - scrive il Campidoglio in una nota -. Pertanto, rinnovando l'invito ai cittadini all'esercizio del proprio diritto di voto, si suggerisce di recarsi ai seggi prima possibile e comunque almeno un'ora prima della loro chiusura". "Roma Capitale è al lavoro insieme con tutti i livelli amministrativi e i soggetti istituzionali coinvolti per un monitoraggio costante della situazione nei 2600 seggi elettorali della città. Tutti i seggi sono aperti ed operanti", continua la nota. "Il Campidoglio sta monitorando costantemente la situazione al fine di una tempestiva risoluzione di eventuali problemi, come ha fatto con quelli finora verificatisi".

I milanesi evitino "di recarsi al seggio nelle ultime ore di apertura". E' l'invito del Comune di Milano, che in una nota ricorda come "la collaborazione" dei cittadini sia "fondamentale per consentire un rapido avvio delle operazioni di spoglio". Sono 1.248 i seggi allestiti nel capoluogo milanese e in molti si stanno registrando lunghe code. A rallentare le operazioni di voto è la nuova procedura per le schede delle elezioni politiche che prevede il tagliando antifrode. Si sono registrate proteste dei cittadini per le code dovute ai ritardi nell'apertura di alcuni seggi elettorali a Palermo per la distribuzione delle schede - poco meno di 200mila - ristampate nella notte. La causa è un errore nella perimetrazione dei collegi Palermo 1 e Palermo 2, con 200 sezioni interessate. Numerosi seggi hanno aperto con ritardi che in alcuni casi hanno superato le due ore e mezzo a causa delle distribuzione delle nuove schede elettorali ristampate durante la notte. L'errore era stato causato dall'inserimento di alcune sezioni del collegio Palermo 1 nel collegio Palermo 2.

In 36 hanno votato su schede sbagliate, ovvero con i nomi dei candidati alla Camera di un latro collegio. E' successo nel seggio 2167 di Via Micheli 29 a Roma, nel quartiere Parioli, dove a segnalare l'errore é stato un cittadino che ha avvisato la presidente di seggio che ha sospeso le operazioni di voto, svuotato l'urna, preso le nuove schede corrette e iniziato nuovamente le operazioni. Disponendo di ricontattare i 36 elettori per farli rivotare. "La presidente ha sospeso le operazioni di voto, si è fatta dare dal seggio a fianco, il 2166, le schede corrette e ha fatto votare con quelle. Ma prima di far continuare le operazioni di voto ha chiuso la porta del seggio, ha aperto l'urna e l'ha vuotata togliendo le 36 schede votate fino a quel momento per metterle in una busta", ha racconta all'ANSA una elettrice presente sul posto.

File, in alcuni casi anche lunghe, nei seggi per le votazioni in corso. In particolare a Roma, sono segnalate code in molte sezioni, dovute alle novità del voto, specialmente il tagliando antifrode che obbliga gli scrutatori prima a registrare ogni singola scheda per la Camera e per il Senato nel registro dei votanti e poi a strappare il tagliando dalle scheda prima di inserirla nell'urna. Le indicazioni sulle code vengono da vari quartieri, dalle zone centrali alla periferia.

Schede per la Camera sbagliate e operazioni di voto sospese nel collegio di Rivolta Bormida e Castelnuovo Bormida, in provincia di Alessandria. Dell'errore ci si è accorti dopo 40 schede votate: per la Camera erano pervenute le schede del collegio di Asti e non quelle del collegio Alessandria. A quel punto le operazioni di voto sono state sospese per un paio di ore nell’attesa che arrivassero le schede giuste: dopo l'autenticazione, si è ripreso a votare.

"Nel giorno più importante di una democrazia, quello delle elezioni, sono ritardi ed errori inaccettabili, che spero non scoraggeranno la partecipazione dei cittadini", ha commentato il presidente del Senato Pietro Grasso e leader di LeU commenta il fatto che a Palermo siano ancora chiusi molti seggi per via di errori fatti sulle schede.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha votato poco dopo le 8:30, nella sezione 535 della scuola Giovanni XXIII del quartiere Libertà a Palermo. Nel capoluogo si registrano ritardi nell'apertura di alcuni seggi a causa di un errore che ha causato la ristampa delle schede di 200 sezioni. Subito dopo il voto il Capo dello Stato è uscito dalla sezione elettorale dimenticando di ritirare il documento d'identità che il presidente di seggio ha subito provveduto a consegnare agli uomini della scorta.

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, ha votato a Roma nel suo seggio in via Daniele Manin alle 10 di stamani. Il premier è rimasto in fila attendendo il suo turno per votare.

Silvio Berlusconi è stato contestato all'interno del suo seggio elettorale a Milano da una ragazza a torso nudo - probabilmente un'attivista delle Femen - che gli ha urlato 'Berlusconi, il tempo è scaduto'.

Il segretario del Pd Matteo Renzi ha votato nella sezione 10 del seggio allestito nel liceo Machiavelli di Firenze, in via Santo Spirito, in Oltrarno. Renzi era accompagnato dalla moglie, che vota in un altro seggio.

Cori da stadio per il candidato premier del Movimento 5 Stelle, Luigi Di Maio, davanti alla scuola di via Pertini a Pomigliano d'Arco (Napoli) dove si è recato a votare nel seggio numero 18 del plesso "Sulmona". Al grido "presidente, presidente", una folla di cittadini ha accolto l'arrivo di Di Maio rendendogli difficoltoso il tragitto fino al seggio. "È sempre un'emozione essere qui - ha detto Di Maio - c'è gente che per cinque anni ha lottato per cambiare le cose, che hanno fatto un vero percorso con noi". Il candidato premier si è messo in fila insieme ad un gruppo di cittadini e di supporter che gli chiedevano di scattare selfie insieme.

"Sono scaramantico, la situazione è buona ma aspetto i voti veri non quelli finti. Exit poll e sondaggi non ci prendono mai, aspettiamo i voti veri", ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, arrivando al seggio per esprimere il voto, dove è rimasto in coda al seggio di via Martinetti, a Milano. Quando vota tanta gente è "sempre un bene, più gente vota meglio è", ha risposto Salvini. Ma "mi sa che qualcuno al ministero ha fatto casino - ha aggiunto rispondendo ai giornalisti -, non ci puoi mettere un'ora a votare".

Un 43enne di origine ecuadoregna è stato denunciato per aver scattato con il cellulare una foto alla scheda mentre si trovava all'interno della cabina elettorale.

Le schede elettorali provenienti dall'estero sono tutte giunte in Italia. E' quanto conferma il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, che passa ora il testimone alla Corte d'Appello di Roma per lo spoglio e lo scrutinio del voto.

- RIPARTIZIONE SEGGI: La nuova legge - il cosiddetto 'Rosatellum' - prevede un sistema elettorale misto sia alla Camera che al Senato: un terzo dei seggi è assegnato con il sistema maggioritario e due terzi con il sistema proporzionale. Con il sistema maggioritario in ciascun collegio viene eletto un solo candidato, quello che ottiene più voti. Con il sistema maggioritario sono assegnati 232 seggi alla Camera e 116 seggi al Senato. L'assegnazione dei restanti seggi del territorio nazionale (386 alla Camera e 193 al Senato) avviene con il metodo proporzionale in collegi plurinominali. (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001