Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Gio, Nov

Abbiamo 168 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Calenda si iscrive al Pd, ma avvisa: 'Se Pd con M5s vado via'. Renzi si è dimesso lunedì, lettera formale

Calenda si iscrive al Pd, ma avvisa: 'Se Pd con M5s vado via'. Renzi si è dimesso lunedì, lettera formale

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ieri l'annuncio del ministro dello Sviluppo economico: 'Mi iscrivo al Pd, ma non punto alla segreteria'

Calenda si iscrive al Pd, ma avvisa: 'Se Pd con M5s vado via'. Renzi si è dimesso lunedì, lettera formale
Calenda si iscrive al Pd, ma avvisa: 'Se Pd con M5s vado via'. Renzi si è dimesso lunedì, lettera formale

 

Il giorno dopo l'annuncio dell'iscrizione al Pd, Carlo Calenda scrive su twitter: "Se il PD si allea con il M5S il mio sarà il tesseramento più breve della storia dei partiti politici". "Si può ripartire solo se lo si fa insieme - scrive ancora rispondendo ad una follower, il ministro dello Sviluppo economico -. Ultima cosa di cui abbiamo bisogno è arrocco da un lato e desiderio di resa dei conti dall'altro. Ridefinire il nostro messaggio al paese, riaprire iscrizioni e tenersi lontano da M5S. Leader c'è e fa il PDC (il presidente del Consiglio, ndr).

E sulle dimissioni di Renzi, il presidente Pd Matteo Orfini ha chiarito: "Matteo Renzi si è formalmente dimesso lunedì. Come da lui richiesto nella lettera di dimissioni, e come previsto dallo statuto, ho immediatamente annunciato la convocazione dell'assemblea nazionale per gli adempimenti conseguenti". "Contestualmente ho convocato la direzione nazionale che sarà aperta dalla relazione del vicesegretario Martina. Nella direzione discuteremo le scelte politiche che il Pd dovrà assumere nelle prossime settimane. Continuare a discutere di un fatto ormai avvenuto - le dimissioni del segretario - come non vi fossero state non ha molto senso. Come non lo ha disquisire del percorso conseguente le dimissioni che è chiaramente definito dal nostro statuto e che non consente margini interpretativi né soluzioni creative".

"Mi sono iscritto al Pd per dare un segnale di qualcosa di importante: se il Pd non recupera l'Italia è a rischio, abbiamo bisogno di un partito che ha cultura di governo e riformista e con voti maggiori di quelli che abbiamo preso, bisogna rimboccarsi le maniche, non è che credo che essendomi iscritto chissà cosa accada ma è un segnale", ha anche detto Calenda nell'intervista a "Otto e mezzo" in onda su La7.

"Il governo col centrodestra non va fatto, le cose che dice Salvini sono al limite dell'arco costituzionale. Il governo deve farlo chi ha vinto, Salvini e i Cinque stelle, il Pd ha perso le elezioni deve ricostruirsi" - ha aggiunto Carlo Calenda - "Siamo andati dagli elettori a dire che i Cinque stelle hanno nel dna un elemento di irresponsabilità e fuga dalla realtà, gli elettori ci hanno bocciato come si fa ora a dire il contrario? La distanza è immensa, radicale, per loro il Pd è il male assoluto. I 10 punti sono cosa diversa; io dico no a un governo Cinque stelle ma se loro, col Pd all'opposizione, presentano misure coerenti, noi siamo pronti a votarle".

"Presa di coscienza sul futuro del PD non resa dei conti su passato - ha scritto sempre su twitter, rispondendo ad un follower, Calenda -. Ho sempre parlato chiaro con Renzi ma mi rifiuto di partecipare ora alla rimozione collettiva di un percorso che ha avuto anche tantissimi elementi positivi. Se cercano anti-Renzi non sono io".

Poi il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda è andato al Nazareno: "sono venuto ad iscrivermi" e uscendo ha mostrato la tessera di iscrizione al Partito Democratico. Ha anche annunciato che lunedì sarà presente alla Direzione Dem. "Non parlerò però dato che è la prima volta", dice conversando con i cronisti. Intanto Pdnetwork su twitter pubblica subito la foto del neo iscritto sorridente a fianco del vicesegretario Maurizio Martina con il commento "Benvenuto @CarloCalenda!".

E intanto Matteo Renzi puntella la sua trincea. Mentre si ingrossa il fronte di chi gli chiede di lasciare subito il Pd a una gestione collegiale, lui assicura che le dimissioni sono "vere", tanto che agli interlocutori fa sapere che lunedì potrebbe non essere in direzione. Ma afferma che il punto è un altro: evitare l'inciucio con gli "estremisti" che sarebbe "un clamoroso e tragico errore". "Se qualcuno la pensa diversamente - è la sfida - lo dica in direzione lunedì prossimo o nei gruppi parlamentari".

Ma se Michele Emiliano e Sergio Chiamparino difendono l'apertura all'ascolto dei Cinque stelle, tanti altri respingono al mittente l'accusa di 'trattare'. "Non ho mai pensato sia possibile un governo con M5s e tantomeno con la destra. Sufficientemente chiaro?", dice Dario Franceschini. Ma in un partito nel caos, in cui dopo il tracollo elettorale si susseguono le dimissioni dei segretari regionali, si cerca ancora una mediazione sulla gestione del "dopo".

E ieri è sceso in campo un nuovo protagonista, Carlo Calenda, che prima di andare in visita alla Embraco, twitta: "Abbiamo dato la sensazione di essere il partito delle elite. Non bisogna fare un altro partito ma lavorare per risollevare quello che c'è. Domani mi vado ad iscrivere al Pd". "Grazie Carlo!", plaude per primo con un tweet, dopo pochi minuti, Paolo Gentiloni. Il premier in un messaggio ai propri elettori assicura che potranno contare sul suo "impegno per Roma e per l'Italia". E in giornata prosegue il suo lavoro a Palazzo Chigi, con un Cdm lampo e i colloqui con i leader europei, a partire da Angela Merkel e Emmanuel Macron, per uno scambio di valutazioni dopo le elezioni italiane. Dal Nazareno intanto Renzi non commenta l'adesione di Calenda al Pd e si limita a far sapere attraverso il suo portavoce di averlo sentito per congratularsi. Ma è molto caldo il benvenuto al ministro di esponenti di rilievo del Pd, a partire dai ministri: Maurizio Martina, Marianna Madia, Anna Finocchiaro, Claudio De Vincenti. E ancora: Luigi Zanda, Piero Fassino, la prodiana Sandra Zampa, Matteo Richetti, che è vicino a Delrio. Calenda può essere il futuro segretario post-Renzi? Il renziano Antonello Giacomelli avverte: "Sembriamo solo alla ricerca delle personalizzazione successiva...".

Ma il ministro smentisce: "Non voglio essere elemento di divisione". Anche Nicola Zingaretti nega di voler fare il segretario. E Sergio Chiamparino, che non esclude il dialogo con M5s né una propria candidatura in futuro alla guida del partito, avverte: "Non è un concorso di bellezza, ora serve azzeramento dei vertici e una gestione collegiale". Come gestire il partito sarà il tema della direzione convocata per lunedì. A chi lo accusa di dimissioni finte, Renzi replica affidando al vicesegretario Maurizio Martina la relazione di lunedì in direzione e ipotizzando di disertare la riunione (ma smentisce di voler andare in settimana bianca quando ci saranno le consultazioni al Quirinale). "Dopo le dimissioni del segretario, sono certo che Martina troverà i toni per l'unità", plaude Dario Franceschini. Ma tra i Dem la tensione è ancora alta. Si dimettono Debora Serracchiani, dalla segreteria nazionale, e i segretari regionali della Campania, Assunta Tartaglione, e dell'Umbria, Giacomo Leonelli.

Andrea Orlando, dalla minoranza, avverte che non è il momento delle "tifoserie", ma predica responsabilità: "Non ci sono governisti a tutti i costi né fautori dell'opposizione duri e puri". Mentre Michele Emiliano invita ad aprire subito al M5s e si spinge a ipotizzare con loro anche la creazione di un "Ulivo 4.0". E' a questo Pd in agitazione che manda il suo messaggio da sinistra Pier Luigi Bersani: "Se nel mondo progressista si smette finalmente di negare il problema, una sinistra plurale potrà riprendere il suo cammino". Il modello può essere la via indicata da Zingaretti nel Lazio, concorda Orlando: "C'è un centrosinistra diverso che vince".  (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-004
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-005
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-015

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001