Elezioni in Friuli Venezia Giulia: affluenza finale al 49,63%
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Lun, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Elezioni in Friuli Venezia Giulia: affluenza finale al 49,63%

Elezioni in Friuli Venezia Giulia: affluenza finale al 49,63%

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Si è votato fino alle 23. Lo spoglio inizierà lunedì dalle 8. La Lega spera nella vittoria di Fredriga per confermare la supremazia su Forza Italia. Ma pochi scommettono sulla rottura del centrodestra, vero ostacolo di un possibile accordo di governo con il M5s impegnato nelle trattative con il Pd

Elezioni in Friuli Venezia Giulia: affluenza finale al 49,63%
Elezioni in Friuli Venezia Giulia: affluenza finale al 49,63%


Si è chiuso il voto in Friuli Venezia Giulia dove gli elettori sono stati chiamati a scegliere il presidente della Regione, rinnovare il Consiglio regionale ed eleggere i sindaci e i Consigli di 19 Comuni. Si è votato anche su due referendum per la costituzione di due nuovi Comuni. Per la prima volta nella Regione si è andati alle urne in un solo giorno, domenica, dalle 7 fino alle alle 23.

Alle 23 l'affluenza finale è stata pari al 49,63 per cento. Si sono recati alle urne (1368 sezioni su 1369) 549.069 elettori su un totale di 1.107.415 aventi diritto. Alle 12 l'affluenza era stata del 18,07 per cento.

Lo spoglio delle schede di tutte e tre le consultazioni inizierà lunedì, a partire dalle 8. Dei 535.318 uomini e 572.107 donne chiamati al voto, 156.166 sono iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero.

Nella circoscrizione di Trieste, secondo i dati diffusi dalla Regione, sono chiamate ad eleggere Consiglio e presidente della Regione 212.168 persone; in quella di Gorizia 118.817, a Udine 410.617, a Tolmezzo 82.220 e a Pordenone 283.603. In totale, sono 1.369 le sezioni aperte in 215 Comuni. Alla consultazione regionale parteciperanno per la prima volta anche gli elettori del comune di Sappada -1.211 gli aventi diritto di voto - entrato a far parte della regione Friuli Venezia Giulia alla fine del 2017. Le ultime consultazioni regionali risalgono al 21-22 aprile 2013: l'affluenza fu del 50,48 per cento.

Sulla scheda elettorale per la scelta del governatore, in ordine di apparizione, gli elettori per il successore di Debora Serracchiani trovano i nomi di Sergio Cecotti (Patto per l'Autonomia), unico dei quattro candidati ad aver già ricoperto la carica di presidente del Fvg. Sergio Bolzonello (centrosinistra), Alessandro Fraleoni Morgera (Movimento 5 Stelle) e Massimiliano Fedriga (centrodestra). Ma al di là della scelta che faranno gli elettori per la Regione, quello di oggi è un test che potrebbe rivelarsi importante a livello nazionale per la formazione del governo.

· IL CENTRODESTRA
Dopo la vittoria in Molise di domenica scorsa il centrodestra aspetta l'esito del voto in Friuli Venezia Giulia per dimostrare la sua forza e la sua unità. Il responso è di particolare interesse per la Lega che, in caso di vittoria, dovrebbe confermare la supremazia su Forza Italia. Un voto che, però, pochi scommettono potrebbe far deflagrare il legame di centrodestra, vero ostacolo di un possibile accordo con il M5s, impegnato nelle trattavive con il Partito democratico per la formazione di un esecutivo di coalizione.

Votando per Massimiliano Fedriga, ha detto Matteo Salvini, che in Friuli Venezia Giulia, ad aprile è tornato per tre volte a sostegno del capogruppo uscente della Lega alla Camera, candidato del centro destra, "si dà un bel segnale anche a Roma, ai signori che dormono e amoreggiano, fregandosene del voto degli italiani". Parole pronunciate poche ore prima dell'abbraccio di ieri sera con Silvio Berlusconi all'Harry's bar di Trieste che ha confermato la sintonia tra i due leader. Salvini, all'ultimo appuntamento pubblico utile, ha invitato gli elettori di centrodestra a rinunciare a qualche ora di vacanza per andare a votare perchè la sfida - ha sostenuto - "sarà all'ultimo voto".Il centrodestra è unito, ha assicurato Berlusconi. "Nonostante tutte le notizie false fatte circolare, la coalizione di centrodestra è solida e in salute - aveva affermato il presidente di Forza Italia al Tg1 - L'unica soluzione che vediamo per dare seguito alle passate elezioni è un governo di centrodestra che si presenti in Parlamento con progetti concreti". Anche l'ex cavaliere nella regione è rimasto a lungo: è ripartito oggi a ora di pranzo da Trieste, dopo una full immersion di appuntamenti in tutte le province cominciata martedì, con la speranza di recuperare lo scarto di voti che il 4 marzo lo ha diviso dalla Lega.La mano del Carroccio resta comunque tesa verso il leader del Movimento Cinquestelle: "Di Maio faccia un bagno di umiltà e torni al tavolo con il centrodestra unito", aveva anche detto Salvini. E se la Lega domenica dovesse staccare tutti gli altri in Friuli Venezia Giulia - inclusi i pentastellati - ci si aspetta proprio una riapertura della trattativa fra Carroccio e Cinquestelle. Tanto Forza Italia quanto Lega, infatti, escludono con fermezza un possibile governo Pd-M5S: Berlusconi perché lo ritiene improbabile, mentre Salvini si dichiara "pronto a scendere in piazza" e "a mobilitare milioni di italiani se il voto delle politiche non sarà rispettato".

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, anche lei nei giorni scorsi si è spesa per sostenere la campagna elettorale di Fedriga in Friuli, si è rivolta al Quirinale in attesa di conoscere il risultato del voto: "Dopo il probabile fallimento 'del contratto dei perdenti' tra M5s e Partito democratico, Mattarella dia senza indugi l'incarico al centrodestra, che ha vinto le elezioni, in modo che possa presentarsi in Parlamento a chiedere la fiducia su pochi e chiari punti programmatici. E' da sempre la posizione di Fratelli d'Italia - ha aggiunto Meloni - e l'unica rispettosa della sovranità popolare".

· IL CENTROSINISTRA
Big nazionali da Roma al Fvg anche per il centro sinistra, che in regione corre con il vicepresidente uscente, Sergio Bolzonello. In suo sostegno sono arrivati il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, che ha fatto tappa a Udine, e il segretario reggente dei dem, Maurizio Martina, che ha incontrato gli elettori di Trieste e dell'isontino.Intanto il confronto tra i dem non si è fermato, Maurizio Martina ha rinnovato l'appello per un sì al dialogo con i Cinquestelle ed ha proposto una "consultazione della base nei territori". Il calendario del Nazareno ha già una data segnata di rosso ed è quella del 3 maggio, giorno in cui si riunirà la direzione del Pd che dovrà decidere se accettare o meno di andare a veder le carte del Movimento Cinque Stelle. Un appuntamento che sulla carta sembra avere già il finale scritto visto il muro dei renziani all'ipotesi di aprire una trattativa con i pentastellati.

Gli esponenti più vicini a Renzi non cessano di bombardare il M5s, segno di uno scarso entusiasmo per l'eventuale liaison. E c'è chi spera che sia proprio l'ex segretario di guidare in prima persona il tavolo con i grillini. I quali, nel frattempo, hanno dato un primo via libera, molto sofferto, al dialogo con i dem, ed hanno rinviato ogni decisione definitiva a un pronunciamento della base su Rousseau, che si potrebbe svolgere in poche ore all'indomani di un eventuale accordo. Ma lo stesso Martina ha parlato di una strada "in salita". Comunque se fallisse il tavolo M5s-Pd, la possibilità di riaprire il 'forno' tra Salvini e Di Maio viene vista sempre più come ipotesi residuale.

Da Forza Italia e dalla Lega viene rilanciata la richiesta di un incarico al buio, cioè senza la certezza di avere i voti, che andrebbero cercati in Parlamento. Berlusconi si è dichiarato pronto a un governo di minoranza a guida centrodestra, convinto di poter trovare sostenitori anche fra altre parti politiche su un programma molto concreto, basato su tre-quattro punti da attuare nei primi cento giorni. Ma già nelle scorse settimane era giunto dal Quirinale un freno a questo schema e nulla fa presagire che al Colle si sia cambiata idea. (Repubblica.it)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook