Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Ott

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Tria, avvio flat tax già nella prossima manovra

Tria, avvio flat tax già nella prossima manovra

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Meno tasse gradualmente e compatibilmente con spazi bilancio

Tria, avvio flat tax già nella prossima manovra
Tria, avvio flat tax già nella prossima manovra


La flat tax "si inizierà a implementare fin dalla prossima legge di bilancio, secondo un cronoprogramma graduale il cui contenuto di dettaglio è allo studio". Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, al question time alla Camera. Tria ha ribadito che la flat tax sarà composta da una semplificazione strutturale del sistema fiscale e da "un alleggerimento del prelievo da perseguire gradualmente e compatibilmente con spazi finanziari".

"Si è avviato con la commissione Ue un dialogo con l'intento di fissare un deficit programmatico coerente con l'obiettivo di contrastare per quanto possibile il rallentamento dell'economia". Tria ha ribadito che la manovra dovrà tenere conto "dello stato dell'economia e non deve innescare una politica pro-ciclica". Questo comunque "non significa non rispettare la riduzione del rapporto debito-Pil e il non peggioramento del saldo strutturale ma poter rimodulare i tempi e la misura dell'aggiustamento strutturale".

E rispondendo a una interrogazione della Lega sulla pace fiscale: "In merito al magazzino si segnala che il valore contabile residuo dei crediti e' molto alto e pari quasi a 800 miliardi ma si stima che l'ammontare su cui effettivamente si possa tentare il recupero sia assai più limitato, pari a circa 50 miliardi".

"Sarà la legge di bilancio che permetterà ai mercati di capire meglio" l'impostazione della politica economica del governo, "riducendo l'incertezza che pesa ancora sul debito pubblico e mettendo in sicurezza i risparmi degli italiani", ha sottolineato Tria.

Il governo ha avviato un dialogo con la Commissione europea "con l'intento di rivedere l'obiettivo di deficit programmatico". Il ministro dell'Economia ha spiegato che "la revisione è limitata e non può comportare una non diminuzione del debito" e un peggioramento del saldo strutturale. Il ministro, interrogato al riguardo, ha precisato che "non si supera il 3% del Pil". (ANSA)

 

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-004
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-005
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-015

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001