Europee, Di Maio e il flop M5s: 'Abbiamo preso una bella lezione'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mar, Ago
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Europee, Di Maio e il flop M5s: 'Abbiamo preso una bella lezione'

Europee, Di Maio e il flop M5s: 'Abbiamo preso una bella lezione'

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Riunione al Mise con Di Battista che fa scudo: 'Dimissioni di Di Maio? Mica siamo il Pd'

Europee, Di Maio e il flop M5s: 'Abbiamo preso una bella lezione'
Europee, Di Maio e il flop M5s: 'Abbiamo preso una bella lezione'

 

L'M5s prova a ripartire dopo la deludente tornata elettorale delle Europee. E, di fronte al severo resposo degli elettori, Luigi Di Maio spiega: "prendiamo una bella lezione" ma la debacle delle Europee è netta, dolorosa e getta la leadership di Di Maio in un frullatore il cui epilogo è tutto da scrivere. Anche se dal movimento in molti si affrettano a sottolineare che il vicepremier non è in discussione. "A Luigi Di Maio, che esorto a proseguire con le importanti iniziative di governo avviate, va il mio totale sostegno", dice la sindaca di Torino Chiara Appendino.

"Richieste di dimissioni? Noi non siamo mica come Renzi o Zingaretti: si lavora sugli errori non sparando contro come fa il Pd. Tutti abbiamo le nostre responsabilità", dice Di Battista.

"Ringrazio i 4,5 milioni che hanno votato il M5S - ha detto il vicepremier in una conferenza stampa nel primo pomeriggio - e ringrazio anche chi non ci ha votato perché dal loro comportamento noi impariamo e prendiamo una bella lezione. Faccio i complimenti alla Lega e al Pd e a tutti i partiti che hanno avuto un incremento". "Oggi ho sentito Giuseppe Conte - ha detto - e gli ho chiesto di convocare il prima possibile un vertice di governo, dobbiamo lavorare alle promesse che abbiamo fatto agli italiani". "Il contratto di governo non si cambia e lo tuteleremo: saremo argine", ha puntualizzato. Un vertice di Governo? "Sì, io sono qua oggi, domani, dopodomani", ha detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini, in conferenza stampa al Viminale. "Ho sentito Conte, non ancora Di Maio o Berlusconi. Li sentirò nei prossimi minuti", ha aggiunto.

"Questa esperienza di governo deve continuare", ha detto poi Alessandro Di Battista lasciando il vertice al Mise. "Dobbiamo continuare mantenendo l'atteggiamento tenuto in questo ultimo mese e mezzo di campagna elettorale, che non è stato la causa del risultato ma l'opposto. Doveva avvenire prima".

"Ai romani daremo di più. Dobbiamo fare i conti con il Pd che in centro è fortissimo anche grazie alla spinta di Zingaretti che è segretario del partito. Ma è soprattutto il dato delle periferie che va analizzato bene per l'avanzata della Lega". E' questa una prima analisi del voto a Roma fatta dalla sindaca Virginia Raggi conversando con alcuni consiglieri comunali M5S. "Finito il tempo della semina - secondo Raggi -, dobbiamo raccogliere puntando sulle periferie. E rimanere legati alla realtà".

"Non dimentichiamo e non accantoniamo le promesse che abbiamo fatto. C'è da fare il salario minimo orario e lo faremo, così come il provvedimento per le famiglie che fanno figli e c'è da portare avanti un serio abbassamento delle tasse", ha detto Di Maio ha commentando l'esito delle elezioni europee e aggiungendo che questi temi "sono al centro della priorità degli italiani".

"Oggi ho sentito tutti coloro che rappresentano le anime del M5S, Grillo, Casaleggio, Di Battista e Fico. Nessuno ha chiesto le mie dimissioni", ha detto ancora. Infine sulla Tav: "è un dossier che è nelle mani di Conte. Sulle autonomie il fatto è come si scrive il provvedimento. Se si deve fare non deve creare scuole di serie C o sanità di serie C. L'unica cosa che mi interessa è mettermi al lavoro per mantenere le promesse fatte agli italiani, e tra queste c'è la coesione nazionale".
"Le urne, in Europa e in Piemonte, hanno restituito un esito molto chiaro: un exploit della Lega che, per quanto mi riguarda, a Torino non giunge del tutto inaspettato. Un risultato che deve essere compreso e rispettato - spiega, in una nota, la sindaca di Torino, Chiara Appendino -, perché è ancora più marcato nelle zone più difficili della città". "Il nostro compito - dice - è quello di non smettere mai di ascoltare queste persone e di occuparci, con maggior forza dei tanti problemi che riguardano tutti i torinesi". "A Luigi Di Maio, che esorto a proseguire con le importanti iniziative di governo avviate, va il mio totale sostegno. Ricopre un ruolo difficile per il quale dobbiamo garantirgli tutto il nostro supporto". (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook