Ballottaggi: affluenza in forte calo, si ferma al 37,4%
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Sab, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Ballottaggi: affluenza in forte calo, si ferma al 37,4%

Ballottaggi: affluenza in forte calo, si ferma al 37,4%

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Polemica social a Vercelli. Partita cruciale per forze politiche.

Ballottaggi: affluenza in forte calo, si ferma al 37,4%
Ballottaggi: affluenza in forte calo, si ferma al 37,4%

 

I ballottaggi hanno da sempre meno appeal per gli elettori rispetto al primo turno elettorale, anche se bisogna eleggere il sindaco della propria città: le urne oggi non hanno smentito la tradizione e ai ballottaggi nei 136 comuni che non sono riusciti ad eleggere il proprio sindaco al primo turno lo scorso 26 maggio, l'affluenza ha fatto un tonfo di circa 17 punti percentuali, fermandosi, alle ore 19 al 37,4%. Ferrara è la città che ha fatto registrare l'affluenza più alta al 48,17% Foggia quella in cui è stata più bassa, fermandosi al 29.87%.

La bella giornata di sole e caldo, dopo un maggio molto piovoso, ha spinto fuori città molti elettori. Ed è possibile che molti elettori M5S - il Movimento è andato al ballottaggio solo a Campobasso - sebbene ago della bilancia in molte competizioni, abbiano rinunciato ad andare a votare. Il risultato è stato un calo vistoso dell'affluenza alle urne, ovunque consistente, da nord a sud.

Due i capoluogo di Regione al ballottaggio: Potenza e Campobasso; 13 quelli di Provincia al ballottaggio: Avellino, Ferrara, Forlì e Cesena, Reggio Emilia, Cremona, Ascoli Piceno, Biella, Verbania, Vercelli, Foggia, Livorno, Prato e Rovigo. Gli elettori interessati sono stati complessivamente oltre 3,6 milioni. Ora si attendono le 23 per chiudere i seggi, conteggiare l'affluenza e dare il via allo spoglio delle schede. La partita è cruciale per le principali forze politiche: per la la Lega, perchè riuscire ad espugnare alcune città storicamente "rosse" in Emilia Romagna e in Toscana sarebbe un segnale fortissimo; per il Pd e il suo segretario Nicola Zingaretti perchè è necessario riaffermarsi in alcune realtà perse cinque anni fa come Livorno e non perdere dei simboli storici, come Ferrara; per i pantastellati, anche per capire se eventuali trattative con il Pd possano essere digerite dal loro elettorato.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook