Migranti: la Sea Watch resta a largo, ok allo sbarco di donne e bambini
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Dom, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Migranti: la Sea Watch resta a largo, ok allo sbarco di donne e bambini

Migranti: la Sea Watch resta a largo, ok allo sbarco di donne e bambini

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Scendono in 10, "nn Libia non torniamo". Salvini: delinquenti

Migranti: la Sea Watch resta a largo, ok allo sbarco di donne e bambini
Migranti: la Sea Watch resta a largo, ok allo sbarco di donne e bambini

 

Ancora fermi al largo delle coste di Lampedusa, con il ministro dell'Interno Matteo Salvini che firma il divieto di ingresso nelle acque italiane e i controlli medici a bordo per valutare le condizioni dei migranti. Dieci di loro - donne, bambini e persone malate - possono scendere, gli altri 43, tra cui quattro minori non accompagnati, "possono restare lì fino a Capodanno", minaccia Salvini. "In Libia non torneremo, mai", le parole dell'ong che continua a invocare un "porto sicuro" e non il ritorno in un Paese dove "negli ultimi dieci giorni sono stati bombardati un ospedale e un aeroporto". Continua, per il quarto giorno consecutivo, il braccio di ferro tra la Sea Watch e le autorità italiane. La giornata si apre con l'annuncio, da parte di Salvini, della firma del divieto di "ingresso, transito e sosta" dell'imbarcazione nelle acque italiane, un provvedimento - controfirmato in serata dai ministri Toninelli e Trenta - rafforzato dall'entrata in vigore, proprio oggi, del decreto sicurezza bis.

La violazione del divieto, infatti, costerebbe all'equipaggio una multa da 10 a 50 mila euro e il rischio anche di confisca della nave. Nel primo pomeriggio sulla Sea Watch arrivano medici e sanitari, per sincerarsi delle condizioni di salute dei 53 migranti salvati martedì scorso a 47 miglia dalle coste libiche: tre minori, tre donne di cui due incinte, due accompagnatori e due uomini malati vengono autorizzati allo sbarco dal ministro Salvini. Per gli altri continua l'incubo in mare. "Questi dovevano andare in Libia, potevano andare in Tunisia o a Malta: sono arrivati in Italia - l'accusa del vicepremier -. L'hanno chiesto loro il porto alla Libia, la Libia lo ha dato e loro hanno disobbedito". "Il fatto che la Libia non sia un porto sicuro non è una nostra valutazione - la replica della portavoce dell'Ong, Giorgia Linardi -. Riportando indietro queste persone commetteremmo un respingimento collettivo, un crimine per cui l'Italia è già stata condannata. La Libia è internazionalmente non riconosciuta come un porto sicuro e lo dice la stessa missione Onu in Libia, l'Unhcr, la commissione Europea, la nostra Farnesina, lo stesso nostro ministro dell'Interno in tv lo scorso 25 maggio e il presidente libico Al Serraj". La replica di Salvini non si fa aspettare e arriva in serata. "Ci sono persone a bordo per scelta di questi delinquenti, per scelta di questi sequestratori di esseri umani - denuncia -. Bambini, donne incinte e malati scendono, questi delinquenti risponderanno alle loro coscienze di eventuali problemi".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook