Governo Draghi, Salvini: "Ministro? Non direi no" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Governo Draghi, Salvini: "Ministro? Non direi no"

Governo Draghi, Salvini: "Ministro? Non direi no"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io ministro? Non mi tirerei indietro". Sono le parole di Matteo Salvini a 'Fuori dal coro' in onda stasera su Rete 4. "Se mi si chiede di far parte di una squadra, io, per carattere, la partita me la gioco, non sto in panchina a guardare gli altri e a criticare".

alternate text

 

"Se mi venisse chiesto di dare il contributo, in base alla mie competenze, perché non sono un politico onnisciente, buono per tutte le poltrone, sicuramente non mi tirerei indietro". "Difesa o agricoltura? Non sono buono per tutte le stagioni, che può fare il ministro diverso in base alle stagioni", risponde il leader della Lega. 

"La ruspa? In questo momento la usiamo per costruire, ci sono i cantieri da far ripartire, far ripartire l'edilizia vuol dire creare un milione di posti di lavoro". "Andare d'accordo con chi chiedeva il mio processo? Patti chiari, amicizia lunga" dice. "La salute - sottolinea - non ha partiti, il taglio delle tasse neppure, anche sulla politica dei migranti, chiediamo le regole europee, se vi sta antipatico Salvini, adottiamo i controlli degli altri Paesi europei". 

"Ho espresso solidarietà in amicizia per volgare attacco alla sua vita privata" ha detto a proposito della leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni "per il resto ci vedremo penso la prossima settimana". "Voteranno in primavera 20 milioni di italiani, non ci sarà divisione a livello territoriale, offriremo nostro modello di governo del centrodestra, agli italiani che lo vorranno", aggiunge il leader della Lega. "Avrei preferito che fossimo stati insieme nel governo che sta per nascere, Rousseau permettendo", conclude Salvini.