Covid, "gente all'aperto? No rischi se con mascherina" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Sab, Lug

Covid, "gente all'aperto? No rischi se con mascherina"

Covid, "gente all'aperto? No rischi se con mascherina"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il rischio reale di contagio da coronavirus è negli ambienti chiusi. Non sono tanto preoccupato della circolazione di gruppi di persone in luoghi aperti.

alternate text

 

La possibilità di trasmissione all'aperto è piuttosto bassa. Viceversa l'attenzione massima deve essere tenuta nei luoghi confinati, inclusi i mezzi di trasporto, dove le regole devono essere più stringenti". A dirlo all'Adnkronos Salute è Carlo Signorelli, docente di Igiene e Sanità pubblica all'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, commentando le parole del viceministro alla Salute Pier Paolo Sileri secondo il quale non c'è nulla di male "se i ragazzi passeggiano ai Navigli, a Milano, con la mascherina correttamente indossata".  

"Il viceministro Sileri - osserva Signorelli - mi sembra che da un po' di tempo cerchi opportunamente di spiegare che vanno pesati i rischi reali, cercando di riaprire, o comunque far riprendere quelle attività che di pericoli ne hanno molto pochi e che invece hanno delle grandi limitazioni, con un grande impatto sociale ed economico. Credo che in questo senso vada letta la dichiarazione di Sileri".  

In ogni caso oggi "c'è l'obbligo della mascherina all'esterno, che va rispettato. Ed è da mantenere e da raccomandare. Il problema pandemico non è archiviato. E c'è ormai evidenza che ci sono una serie di varianti in circolazione che hanno una contagiosità maggiore e che quindi implicano un mantenimento delle misure previste per evitare il contagio".