Governo Draghi, Azzolina: "Voterò sì, ancora protagonisti nelle scelte" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

Governo Draghi, Azzolina: "Voterò sì, ancora protagonisti nelle scelte"

Governo Draghi, Azzolina: "Voterò sì, ancora protagonisti nelle scelte"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Voterò sì. Sì all’idea di provare ad essere ancora protagonisti nelle scelte e nella vita politica di questo Paese. La prima forza parlamentare non può non ambire ad avere una sua centralità, anche nell’azione del prossimo Governo. Credo che sia giusto esserci. Perché, semplicemente, è al Governo che si fanno le cose". Così su fb la ministra dell'Istruzione uscente Lucia Azzolina, M5S.

 

"È stando al Governo che puoi introdurre il Reddito di Cittadinanza, una conquista che andrà tutelata e sostenuta nel tempo. È stando al Governo - prosegue - che puoi decidere di investire 10 miliardi sulla scuola, interrompendo finalmente la stagione dei tagli". 

"Il passaggio su Rousseau rappresenta l’impegno a dialogare con chi ci ha votato e soprattutto con chi in quel voto ha riposto grandi aspettative. Che in questa fase sono inevitabilmente ancora più alte. Il Governo che sta per nascere infatti - aggiunge Azzolina - dovrà portare il Paese fuori dall’emergenza sanitaria e da quella economica. È importante che ci sia una voce in grado di tutelare le fasce più deboli, pensare ai giovani, all’ambiente, alle donne che hanno perso il lavoro. Alla scuola". 

"Non tutto sarà perfetto. Sarà anzi una sfida durissima - osserva - . Ma non credo all’idea di fermarsi adesso. Di fronte alla responsabilità di dare delle risposte ai cittadini non c’è alternativa, se non quella di rimboccarsi le maniche".