Rousseau, Crimi: "Se vince 'no' niente sostegno a Draghi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Sab, Ott

Rousseau, Crimi: "Se vince 'no' niente sostegno a Draghi"

Rousseau, Crimi: "Se vince 'no' niente sostegno a Draghi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La votazione di oggi sarà l'unica votazione sul governo. Se prevarrà il Sì sosterremo questo governo, se prevarrà il No non lo sosterremo". Lo precisa in un lungo post su Facebook il capo politico M5S Vito Crimi. 

"In questi giorni abbiamo letto illazioni e ricostruzioni a dir poco fantasiose sulla votazione promossa dal MoVimento 5 Stelle sul governo. Ebbene sono tutte fake news. La piattaforma Rousseau si è infatti dimostrata estremamente collaborativa, consapevole della delicatezza e dell'importanza del momento, e sempre pronta a venire incontro alle esigenze del MoVimento 5 Stelle e dei suoi iscritti. Cerchiamo di fare chiarezza su quanto accaduto", scrive Crimi.  

"Anzitutto, l'avvio di una votazione sulla piattaforma non è come l'accensione di un interruttore. Impone una serie di passaggi, di test, di verifiche, insomma una preparazione che ha bisogno di tempi tecnici non comprimibili. E questo soprattutto per garantire la sicurezza del voto. Quando abbiamo appreso che martedì si sarebbe tenuta la seconda consultazione con il presidente incaricato Draghi, sulla piattaforma Rousseau era già stata predisposta una votazione -non rinviabile- inerente allo statuto del MoVimento 5 Stelle. Ho dato dunque indicazione allo staff di avviare la votazione sul governo nella prima finestra utile. La prima possibilità era per mercoledì alle ore 15, al termine della votazione già programmata. Per rispettare il termine delle 24 ore di preavviso previsto dallo statuto, ho disposto che la convocazione del voto su Draghi venisse comunicata già lunedì pomeriggio. Tuttavia, martedì pomeriggio, al termine della consultazione, insieme a Beppe Grillo abbiamo ritenuto di sospendere la votazione annunciata", spiega il capo politico del M5S.  

"Mancava un tassello importante -prosegue-. Vi era già una sostanziale concordanza sui temi trattati, ma volevamo la certezza dell'istituzione del ministero per la transizione ecologica. Dunque abbiamo comunicato agli iscritti che il voto sul governo era temporaneamente sospeso. In giornata abbiamo poi avuto la conferma: il ministero sarebbe divenuto realtà. Questa conferma andava ad aggiungersi alle altre, importanti, istanze che avevamo già avuto modo di rappresentare. Era l'elemento che mancava, quello caratterizzante, rivoluzionario, per continuare il percorso intrapreso. Non appena la conferma è arrivata, ho dato disposizioni per riaprire la votazione".  

"Ancora una volta -conclude-, il MoVimento 5 Stelle si distingue per essere l'unica forza politica capace di rivolgersi ai propri iscritti in un momento tanto importante. Una sacrosanta prova di democrazia che come sempre viene derisa e osteggiata. Ci abbiamo fatto l'abitudine, ma andiamo avanti. Auguro una buona partecipazione e buon voto a tutti i nostri iscritti".