Governo Draghi, Renzi: "Valeva la pena aprire la crisi" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Governo Draghi, Renzi: "Valeva la pena aprire la crisi"

Governo Draghi, Renzi: "Valeva la pena aprire la crisi"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Valeva la pena aprire la crisi? Sì. E chi aveva dei dubbi dovrebbe solo sentire il discorso di Draghi". Lo ha detto il leader di Italia Viva Matteo Renzi ai cronisti a Palazzo Madama nel giorno del primo discorso del premier in Aula per la fiducia al governo. "Lo avete sentito? Draghi ha dato una visione", ha detto ancora. Un discorso per un programma di due anni? "Anche più lungo", ha precisato Renzi. 

"Nei prossimi due anni - ha aggiunto il leader di Italia Viva - ci sarà una riorganizzazione della politica. Se a sinistra si fa l'intergruppo Pd-M5s-Leu sulla linea Zingaretti-Bettini e i partiti a destra si europeizzano e diventato spendibili in Europa, al centro si apre un'area liberal democratica riformista che in Europa è rappresentata da Macron, Michel e Vestager" e "Italia viva si può fare promotrice e aggregatrice".  

Pandemia, crisi economica, vaccini, scuola, ambiente nel discorso di Draghi, interrotto una ventina di volte fra applausi decisi, altri appena accennati, fino alla standing ovation finale da parte dei senatori che lo sostengono. In pratica la quasi totalità dell'Aula. L'applauso più deciso è stato anche uno dei primi, quello sulle parole che il premier ha subito riservato alle vittime del Covid e ai sacrifici degli italiani nel lungo periodo della pandemia. Lo stop più rumoroso, e anche il più divisivo, è stato quello sul nome di Giuseppe Conte, citato dal premier: applaudito dalla ex maggioranza (con i grillini in piedi) ma bersagliato da alcuni 'buu' dell'aula.  

Battimani anche su Europa e Euro, la scuola in presenza, l'atlantismo. Lo stesso sull'ambiente, dove Draghi ha citato Papa Francesco nell'entusiasmo dei senatori, come sul rispetto reale della parità di genere, un passaggio salutato con particolare decisione dalle senatrici del Pd.