Zona rossa, Speranza: "Oggi ordinanze per regioni in zona arancione" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Dom, Set

Zona rossa, Speranza: "Oggi ordinanze per regioni in zona arancione"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

 

Diverse regioni passeranno dalla zona rossa alla zona arancione, con regole e divieti meno restrittivi. E' il quadro che delinea Roberto Speranza, ministro della Salute, pronto a sancire i passaggi con le sue ordinanze. "L'Italia ha numeri di contagio ancora molto significativi che non possono essere sottovalutati. Ma le notizie delle ultime ore hanno qualche elemento che va nella direzione giusta. Da qui a qualche ora firmerò delle ordinanze. Dai numeri e dati che vedo, penso che una parte significativa di queste ordinanze porterà territori importanti del nostro Paese dal rosso all'arancione", dice Speranza intervenendo al convegno 'Riapri Italia. La sfida è oggi', organizzato da Fratelli d'Italia. 

"Abbiamo un contesto ancora complicato in cui abbiamo oltre 3.600 posti letto occupati in terapia intensiva. Fino a quando non avremo una tenuta molto larga dell'impatto delle vaccinazioni è chiaro che una parte delle misure restrittive bisognerà immaginare che continuino ad accompagnare questo periodo di transizione", aggiunge. 

In generale, dice, "siamo all'incrocio di due sfide che vorrei provare a tenere insieme: la gestione di un'emergenza dentro cui siamo ancora e con cui dobbiamo fare i conti con la massima lucidità, fermezza e determinazione, e la sfida del sistema sanitario nazionale del futuro. Non sprecare la crisi" Covid "significa imparare le lezioni di questi 12 mesi e costruire un Ssn capace di superare i limiti incrociati negli ultimi mesi".