Draghi studia aperture, chiesti a Cts nuovi protocolli - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
05
Gio, Ago

Draghi studia aperture, chiesti a Cts nuovi protocolli

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

Il premier Mario Draghi spinge sulle riaperture, per consentire al Paese, alle prese con l'emergenza Covid e le varianti che accelerano la corsa del virus, di ripartire, seppur gradualmente. A quanto apprende l'Adnkronos da autorevoli fonti di governo, il presidente del Consiglio ha infatti chiesto al Cts di lavorare su protocolli 'meno rigidi' per le aperture'.

O meglio che tengano conto anche della sostenibilità di alcuni settori falcidiati dalla pandemia. Con una sorta di benchmark dei comparti più in affanno, per fissare delle asticelle, dei parametri -e in questo potrebbe essere coinvolto anche il Mef- che consentano di evitare delle aperture anti-economiche. Insomma, la riapertura deve essere "sostenibile", ''reale e non solo di facciata'', spiegano fonti di governo. E consentire effettivamente a chi rialza la saracinesca di poter 'far cassa'. Tali criteri -resta la condizione sine qua non- dovranno garantire innanzitutto la salute dei cittadini.