Recovery, piano Italia inviato all'Ue - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Recovery, piano Italia inviato all'Ue

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Piano nazionale di ripresa e resilienza è stato inviato alla Commissione Ue. Lo si apprende da fonti del governo. Il Recovery Plan italiano è stato approvato ieri in Consiglio dei ministri. La Commissione Europea ha ricevuto oggi i piani nazionali di ripresa e di resilienza anche di Spagna, Danimarca, Lettonia e Lussemburgo. Gli altri Stati, a quanto si apprende a Bruxelles,

potrebbero presentare i rispettivi piani nazionali nella notte. La Commissione, se li riceverà, comunicherà domattina. 

La scadenza era fissata per oggi, anche se il 30 aprile è sempre stata una deadline 'morbida' ('as a rule', dice il regolamento) e la Commissione ha ripetutamente sottolineato che è meglio prendersi qualche giorno in più, per migliorare la qualità del piano, piuttosto che affrettarsi e presentare un piano incompleto. 

Sia Valdis Dombrovskis che Paolo Gentiloni avevano lasciato intendere che un ritardo di qualche giorno da parte dell'Italia non sarebbe stato un dramma, visto che il cambio del governo all'inizio dell'anno aveva giocoforza provocato una pausa nei lavori sul piano.  

I piani nazionali sono necessari per accedere alle risorse della Recovery and Resilience Facility, cuore di Next Generation Eu.  

La Commissione Europea avrà fino due mesi di tempo per esaminarli, a decorrere dalla data di presentazione, e poi il Consiglio fino ad un altro mese. L'obiettivo è di arrivare all'esborso del prefinanziamento, nella misura del 13% del totale, prima di agosto. Perché questo avvenga, oltre a presentare il Pnrr non troppo tardi, è anche necessario che tutti gli Stati membri procedano alla ratifica della decisione sulle risorse proprie, che costituisce la garanzia necessaria affinché la Commissione possa emettere obbligazioni per finanziare il piano.