Migranti, Toscani: "Salvini ragiona con la pancia, ma dalla pancia escono tante altre cose" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Migranti, Toscani: "Salvini ragiona con la pancia, ma dalla pancia escono tante altre cose"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"C'è chi ragiona col cervello, e c'è chi ragiona con la pancia. Solo che dalla pancia escono ragionamenti, ma anche tante altre cose". A dirlo all'Adnkronos è Oliviero Toscani, commentando così le dichiarazioni di Matteo Salvini alla luce dei nuovi sbarchi a Lampedusa, in seguito ai quali il leader del Carroccio ha sollecitato un immediato incontro con il premier Mario Draghi. 

alternate text

 

"Lui fa campagna elettorale sempre -attacca Toscani, che proprio su questo tema si è scontrato diverse volte con il leader della Lega- Lui non fa politica, fa campagna elettorale, sono due cose diverse. Fa demagogia, fra l'altro cieca perché non ha ancora capito che l'immigrazione è una grande opportunità". Toscani entra poi nel merito: "Ci sono migliaia di persone che arrivano qua, col coraggio di arrivare e superare tutti gli ostacoli per farlo. Gli immigrati hanno portato fortuna dovunque, guardate la Francia, la Germania, l'America, ce ne vuole a non capirlo", scandisce. 

"A tanta gente ci vuole più tempo per capire le cose, come a scuola: c'è sempre quell'allievo a cui bisogna stare dietro in modo particolare, che capisce dopo, così è Salvini sui migranti. Ancora non ha capito, bisogna aver pazienza, ci sono sempre stati i Salvini nel mondo come ci sono sempre stati gli allievi da curare in modo particolare", ironizza il fotografo e politico. Che su Salvini al governo, è netto: "Trovo il fatto che Salvini sia al governo un controsenso in termini, ma è meglio che sia lì, così almeno Draghi lo controlla. Il premier è più intelligente di lui e gli dirà le cose giuste. Salvini dovrebbe ascoltare più intelligenti, così non si sbaglia", conclude Toscani.