Gregoretti, Salvini: "Processo per aver difeso il mio Paese? Surreale" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Mer, Giu

Gregoretti, Salvini: "Processo per aver difeso il mio Paese? Surreale"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Personalmente sono tranquillo ma da italiano sono dispiaciuto: dover girare mezza Italia per tribunali e processi per aver difeso il mio Paese, mi sembra davvero surreale". Lo dice Matteo Salvini a 'Tg2 Post'. Per il leader della Lega arriverà venerdì, con ogni probabilità entro il primo pomeriggio, la decisione del gup di

alternate text

 

Catania che dovrà decidere se l'ex ministro dell'Interno dovrà andare a processo per sequestro di persona per la nave Gregoretti oppure dichiarare il non luogo a procedere.  

"Mi pare evidente che la giustizia italiana abbia bisogno di una profonda riforma - ha aggiunto il leader della Lega a 'Tg2 Post' - non per il mio processo, ma perché ci sono processi che durano 30 anni, non è da Paese civile". 

Parlando poi di migranti, per Salvini "ha ragione Draghi quando dice che tutti vanno salvati, ma l'Europa si deve svegliare e poi bisogna evitare le partenze o sarà un disastro annunciato".  

"Appena torno al governo rifarò la stessa cosa" ha sottolineato. "Ho chiesto a Draghi di comportarci come gli altri Paesi europei: controllare chi entra e chi esce". Rispondendo poi ad una domanda sull'accordo di Malta, "è carta straccia - ha detto -. I Paesi europei che come noi sono alle prese con la crisi per il Covid hanno voglia di accogliere gli immigrati a cui l'Italia permette di sbarcare? Io direi di no".