Governo Draghi, Letta: "Salvini fattore di instabilità" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Governo Draghi, Letta: "Salvini fattore di instabilità"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La questione principale per Salvini è la competizione con Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia. Salvini sa che la Meloni all'opposizione cresce nei sondaggi, mentre lui è in calo. E scarica questa tensione sul governo. Questo è un errore. Dobbiamo sostenere il governo e lasciarlo lavorare perché questa è una grande opportunità per l'Italia. Salvini è un fattore di instabilità". Lo spiega Enrico Letta in una intervista al quotidiano spagnolo 'Abc'.  

alternate text

 

Il segretario del Pd, tra i tanti temi, affronta anche quello delle migrazioni: "Italia e Spagna devono combattere insieme una grande battaglia per una nuova politica dell'immigrazione in Europa. So che i nostri due ministri degli Esteri, Arancha Gonzalez e Luigi Di Maio, due politici di grandi qualità, stanno lavorando per questo, in stretta collaborazione con Josep Borrell, il cui ruolo è fondamentale e che sta facendo molto bene in Europa. La questione dell'immigrazione dopo la pandemia sarà di nuovo centrale".  

Letta ritorna sulla questione della stabilizzazione del Recovery plan: "La possibilità di rendere permanente il piano Next generation Eu dipende da come verranno utilizzati i fondi, la maggior parte dei quali andrà a Spagna e Italia. Se avremo successo nell'utilizzare le risorse, sarà più facile lottare per rendere questo strumento di investimento permanente nei prossimi decenni".