Comunali, intesa Lega-Fdi-Fi su uscenti e città da 15mila abitanti - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Dom, Ago

Comunali, intesa Lega-Fdi-Fi su uscenti e città da 15mila abitanti

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Restano sospese le candidature di Roma e Milano. Ma il centrodestra, che oggi ha visto al tavolo i responsabili degli enti locali dei partiti dell'alleanza, punta, a quanto si apprende, a confermare le candidature di quasi tutti i loro sindaci uscenti nelle altre città che andranno al voto.

alternate text

 

L'accordo, a quanto risulta all'AdnKronos, sarebbe raggiunto, di fatto, per l'80% dei primi cittadini eletti da Lega, Fdi, Fi e alleati centristi nella scorsa tornata, a partire da città come Trieste, dove è tricolore il civico Roberto Dipiazza, Pordenone (Alessandro Ciriani, indipendente di destra) Novara (Alessandro Canelli, Lega) e Grosseto, dove nel 2016 è stato eletto il civico Antonfrancesco Vivarelli Colonna. 

Al tavolo, convocato negli uffici della Lega alla Camera, presenti per il partito di Matteo Salvini il responsabile enti locali Stefano Locatelli e il vicesegretario federale Andrea Crippa. Forza Italia era rappresentata dal senatore Maurizio Gasparri, responsabile enti locali e dalla senatrice Licia Ronzulli, per Fdi Ignazio La Russa, vicepresidente del Senato con il capogruppo alla Camera Francesco Lollobrigida. Tra i centristi il senatore Antonio De Poli presidente dell'Udc e ancora Vittorio Sgarbi, leader di Rinascimento. 

Nelle oltre due ore e mezza di confronto, intesa raggiunta anche sull'idea di correre uniti, appoggiando un unico candidato nei comuni maggiori al voto, quelli sopra i 15mila abitanti. Sul rebus Roma e Milano, dopo il no doppio di Guido Bertolaso e Gabriele Albertini, si punta a trovare l'intesa su altri nomi ma il tavolo dei leader, inizialmente previsto per domani, dovrebbe slittare ancora. Salvini, Meloni e Tajani si incontreranno infatti la prossima settimana.