Formigoni-Giletti, scontro in tv su vitalizio - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Lun, Ago

Formigoni-Giletti, scontro in tv su vitalizio

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Massimo Giletti e Roberto Formigoni protagonisti di un violento scontro in tv a Non è l'arena. Si parla del vitalizio percepito dall'ex governatore della Lombardia. "La Corte dei Conti dice che quello che ricevo dal Senato è pensione. Torno a ricordare che non un euro che mi verrà riconosciuto deriverà da altro se non da soldi messi accumulati da me e affidati al Senato", dice Formigoni.

alternate text

 

"Il problema è la morale. Uno che viene condannato per corruzione, non dovrebbe riceverlo (il vitalizio, ndr)", incalza Giletti. "In uno stato funziona la legge. Non siamo fortunatamente nel nazismo, né nel comunismo. Studi, si informi. Studi i fondamentali della legge...", dice Formigoni mentre i toni si alzano. "Ve la fate voi la legge…", replica Giletti. "Fin quando c’è la legge, va applicata e rispettata. La legge è dalla mia parte. Anche se le dispiace, caro Giletti, la legge è dalla mia parte. Io sto scontando per intero la condanna a cui sono sottoposto. Ho fatto 5 mesi in galera e non avrei dovuto farli, è stata applicata una legge incostituzionale", dice ancora Formigoni.