M5S, Giarrusso: "Nuova segreteria Conte rispecchi volere iscritti" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Lun, Ago

M5S, Giarrusso: "Nuova segreteria Conte rispecchi volere iscritti"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Per Dino Giarrusso, europarlamentare M5S, gli iscritti pentastellati dovranno essere determinanti nella selezione della nuova squadra che affiancherà Giuseppe Conte alla guida del Movimento.

alternate text

 

"Ho assoluta fiducia in Conte e sono certo che la nuova segreteria di cui si sta parlando in queste ore dovrà necessariamente rispecchiare il volere della nostra base, attivisti ed iscritti", dice in un colloquio con l'Adnkronos l'eurodeputato siciliano, che osserva: "Negli ultimi anni sono state elezioni con le preferenze - voti veri, dunque - che hanno dato indicazioni importanti, e consultazioni interne ai nostri iscritti che hanno detto chiaramente cosa desidera la nostra base, e in chi ha fiducia. Nessuna forza politica al mondo può prendere scelte che non rispettino la base, tantomeno il Movimento Cinquestelle che ha fatto della democrazia diretta la sua bandiera". 

"Mi auguro", rimarca Giarrusso, "che la segreteria nazionale possa essere votata - se non in toto almeno in parte - sulla nuova piattaforma (sennò che abbiamo aspettato a fare i dati degli iscritti?) e ritengo sia assolutamente necessario invece che tutta la struttura locale venga votata dalla base, così da contrastare chi ha creduto che il M5S sia un proprio feudo personale, buono ad assicurare un posto retribuito per sé e la propria famiglia". 

"Ci fidiamo di Conte proprio perché ha dimostrato di essere altra cosa rispetto ai vecchi partiti e a logiche di potere anche interno che escludono i cittadini. Sono certo che Conte si affiderà quanto più possibile al voto degli iscritti, che rimangono i padroni del Movimento: noi non siamo Forza Italia, con i cacicchi locali, siamo altra cosa e dobbiamo dimostrarlo ora più che mai", è l'auspicio dell'ex 'Iena'.