Sondaggi politici, Letta: "Dopo 4 anni Pd primo partito" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
03
Mar, Ago

Sondaggi politici, Letta: "Dopo 4 anni Pd primo partito"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io non credo ai sondaggi, ma santo cielo erano 4 anni che un sondaggio non dava il Pd primo partito italiano!". E' quanto ha detto Enrico Letta parlando all'assemblea degli iscritti del Pd a Taranto. "Ora lo lasciamo da parte, ma Ipsos è il miglior sondaggista italiano, aver dato per la prima volta, dopo 4 anni, il Pd davanti a tutti vuol dire che ci siamo, che ce la giochiamo, che non è vero che siamo ai margini di chissà che cosa".

alternate text

 

"Per me è la prima volta assoluta da segretario nazionale del partito prendo la parola a una assemblea di iscritti vera, non con quel cavolo di Zoom. Finalmente ci vediamo tutti, è fondamentale". 

"Sono alla mia prima uscita, avrei potuto scegliere di andare a casa mia o in un'altra zona senza problemi. Ma ho fatto una scelta emblematica, perché l'Italia deve risarcire Taranto per quello che è successo e per quello che non è successo, lo faremo". 

"Ho ascoltato cose dure, difficili, critiche, ma la politica con la quale vinceremo è questa: non incontrare solo quelli che ci applaudono. La politica con la quale vincere sarà entrare nel profondo del Paese e delle sue contraddizioni", aggiunge il segretario Pd. 

"Il nostro punto di riferimento sono i Democratici americani e Biden e il messaggio che sta dando, che non è possibile che l'1% dei ricchi del suo Paese non paghi le tasse e non contribuisca alla redistribuzione nel Paese - conclude -. E' un messaggio che facciamo nostro".