Comunali Roma, Michetti: "Rispetto chi rifiuta il vaccino" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Ven, Lug

Comunali Roma, Michetti: "Rispetto chi rifiuta il vaccino"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Ho fatto il vaccino per mia scelta consapevole, ma rispetto chiunque abbia un'opinione diversa. Non si può coattivamente iniettare una sostanza". Lo dice Enrico Michetti, candidato sindaco a Roma per il centrodestra, tornando a commentare una sua considerazione sul vaccino anti covid paragonato al doping di massa che veniva praticato nello sport dei Paesi del blocco comunista.  

alternate text

 

"In quella circostanza si parlava dell'obbligatorietà dei vaccini. L'articolo 32 della Costituzione ci dice che il vaccino può essere reso obbligatorio ma l'ultimo comma dell'articolo dice anche 'nel pieno rispetto della persona umana'", sottolinea Michetti a 'Agenda' su Sky Tg24. "Credo che nel Lazio la campagna di vaccinazione sia stata organizzata bene. Il problema del Covid è stato all'inizio, perché non si conosceva e probabilmente, in quella fase, sono state fatte scelte poco coerenti con la gestione della pandemia. Criticare quella fase, da cittadino, io lo trovo assolutamente corretto, perché al centro c'era la vita delle persone. Quando tu dovevi decidere se tenere in vita uno piuttosto che un altro, a questo non ci si sarebbe dovuti arrivare", rimarca il candidato sindaco del centrodestra, che si sofferma anche su alcuni possibili punti del suo programma.  

"Io credo che il problema della sicurezza sia importante, in alcuni luoghi che rappresentano il biglietto da visita della città, penso alle stazioni, penso a certi quartieri che sono assediati dalla criminalità, dalla prostituzione, dallo spaccio. Ma ci sono altri problemi come il decoro urbano, i trasporti che vanno adeguati a una grande città che deve avere la dignità di una metropoli, l'igiene urbana, i rifiuti...Questo è il compito che aspetta il prossimo sindaco".