Centrodestra, Salvini: "Partito unico? Italiani non ci chiedono giochini" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mar, Ott

Centrodestra, Salvini: "Partito unico? Italiani non ci chiedono giochini"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Nessuno sta parlando di partiti unici, un conto è collaborare, federare, unire le forze altro è mischiare partiti dalla sera alla mattina. Gli italiani non ci chiedono giochini ma fatti". Lo ha detto Matteo Salvini a Stasera Italia. "Un nuovo partito non ce lo chiede nessuno. I giochini, come quelli di Conte, mi interessano poco", ha sottolineato il leader della Lega  

alternate text

 

Oggi Silvio Berlusconi ha rilanciato con forza la sua idea di rassemblement non solo elettorale a destra. E' un suo vecchio pallino quello di unire Lega, Fdi e Fi in un partito unico, per farne una sorta di blocco alternativo al centrosinistra, capace di agire e incidere con più efficacia e peso nelle partite che contano, dalla conquista di palazzo Chigi alla elezione del nuovo capo dello Stato. Il modello è quello dei repubblicani negli Usa, del partito laburista britannico o dei Repubblicani francesi.  

Alle riunioni del centrodestra "siamo una quindicina, per questo ho proposto di federare le forze, arrivare in Parlamento, nelle Regioni, al Parlamento europeo con una sola posizione ci permette di essere più veloci, concreti, rapidi e efficaci, spero venga raccolta da tutti", ha detto ancora Salvini.