Roma, Calenda: "Voto a me è voto a destra? Da Pd mai un'idea" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Lug

Roma, Calenda: "Voto a me è voto a destra? Da Pd mai un'idea"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"'Un voto dato alla destra'. Ripetono sempre e solo le stesse cose. Mai un’idea. Però posso essere considerato simpatico e capace. Ma solo dalla destra. Sia chiaro". Lo scrive Carlo Calenda su Twitter commentando le dichiarazioni del segretario regionale del Pd Lazio, Bruno Astorre. "E’ chiaro che ogni voto dato a Calenda è un voto dato alla destra - aveva spiegato Astorre all'Adnkronos parlando delle elezioni romane -.

alternate text

 

Non mi nascondo che può essere considerato uno capace e simpatico, ma ogni voto dato a lui è un voto alla destra". 

"Io dialogo con tutti gli avversari - aveva aggiunto stamani il candidato alle primarie Pd per il sindaco di Roma Roberto Gualtieri -, Calenda ha scelto di essere un avversario del centrosinistra perché non ha voluto partecipare alle primarie. Rispetto le scelte di tutti i candidati, ma oggettivamente ha fatto una scelta diversa".