'Prima l'Italia', Salvini in piazza a Roma - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Mer, Ott

'Prima l'Italia', Salvini in piazza a Roma

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Matteo Salvini oggi a Roma, in piazza Bocca della Verità, per la manifestazione della Lega. Facendo capolino dal palco prima dell'inizio del comizio, il leader del Carroccio ha filmato le persone presenti. Accolto dal coro 'Matteo-Matteo', il leghista ha salutato tutti.

alternate text

 

Lo striscione più grande portato in piazza recita 'Prima la famiglia', richiamando lo slogan dell'evento 'Prima l'Italia'. "Critiche ai referendum dall'Anm? Mi auguro che di dovere intervenga", ha detto a margine della manifestazione tornando sul tema dei referendum e attaccando l'Anm per le parole del presidente Santalucia. A dare il via alla kermesse l'inno di Mameli, in versione pop, cantato da Annalisa Minetti. In piazza centinaia di manifestanti, che cantano con lei. 

"Questa è la prima grande, pacifica, mascherinata, manifestazione dopo un anno di paura", ha detto Salvini dal palco aprendo la manifestazione. "Noi vogliamo - spiega - mettere l'amore del paese prima dell'interesse del partito", aggiunge il leader della Lega, continuando: "L'Italia non può essere colonia o campo profughi". Poi avverte: "Diamo subito la parola ai lavoratori", invitando quindi sul palco dipendenti di Ikea in sciopero.  

"Prima viene l'interesse dell'Italia - ha ribadito quindi Salvini -, dopo quello di partito. Avrete notato che su questo palco non ci sono simboli di partito". 

''Un tempo Roma rappresentava la più bella cartolina del pianeta, oggi nel pianeta ci conoscono per rifiuti che gli mandiamo''. Lo ha detto il candidato del centrodestra a sindaco di Roma Enrico Michetti sul palco della manifestazione della Lega.  

''Mi ricordo il giorno in cui venni candidato, la mattina alle 9 ci siamo visti con Matteo e tutta la sua squadra e ci siamo messi al lavoro sui progetti per ridare dignità a questa città. Abbiamo parlato di trasporti, ogni giorno qui si registrano non solo l'inefficienza ma gli autobus in fiamme", ha spiegato, continuando: ''Noi abbiamo un patrimonio unico, monumenti millenari lo dobbiamo proteggere e salvaguardare. Dovremmo avere quattro volte i turisti che abbiamo ma li dobbiamo accogliere con una Roma pulita, efficiente e sicura''. 

"Oggi è una grande giornata di libertà". Così Attilio Fontana, governatore della Lombardia dal palco leghista di piazza Bocca della Verità. "Vediamo - dice riferendosi alla lotta al virus - la luce alla fine del tunnel". 

"A Salvini dico grazie per avere creduto in questo strano governatore, che ha saputo tener duro in questi mesi". Così Nino Spirlì, presidente della regione Calabria, dal palco della Lega. Poco prima il leader della Lega aveva presentato Spirlì come candidato vicegovernatore in Calabria.