Rai, mal di pancia M5S per accordo su Cda - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Gio, Ott

Rai, mal di pancia M5S per accordo su Cda

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mugugni in casa M5S, mentre il Parlamento si appresta a votare i componenti del Cda Rai. 5 Stelle, Pd e Leu hanno raggiunto l'accordo su due nomi: Alessandro Di Majo - indicato dal Movimento - sarà votato al Senato, mentre alla Camera le tre forze politiche voteranno per Francesca Bria, indicata dai dem.

alternate text

 

Sull'intesa si addensano però i malumori di alcuni membri grillini della Commissione di Vigilanza, che puntavano su Antonio Palma: "La Commissione di Vigilanza Rai aveva ricevuto mandato per esaminare i profili più consoni per quanto riguarda i nuovi componenti del Consiglio di amministrazione, un lavoro di approfondimento durato mesi stracciato senza spiegazioni", si sfoga un parlamentare M5S con l'Adnkronos.  

"Ci saremmo aspettati metodi di selezione e nomi migliori per il rinnovo del cda Rai" dice il presidente dei senatori di Italia Viva, Davide Faraone, spiegando che "Iv lascia libertà di non votare o di votare scheda bianca".