Covid, Meloni: "Mi vaccino, non sono no vax" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Covid, Meloni: "Mi vaccino, non sono no vax"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Sì, mi vaccino e non sono no vax. Non sono contraria ai vaccini, sono abituata a dire le cose come le penso ed è molto fastidioso che in questo nostro dibattito politico chiunque abbia il coraggio di fare domande su cose che non tornano improvvisamente debba vedersi una qualche etichetta appiccicata addosso, sempre quando

il tuo interlocutore non sa cosa rispondere a quelle domande sensate che fai”. Così la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, a margine di un evento a Pietrasanta. 

"Non sono contraria a vaccinarmi, ma se mi chiedi di vaccinare mia figlia, neanche in catene...", precisa Meloni. ''L'altra sera ascolto Ricciardi. Dicono che la variante delta è 7 volte più contagiosa. A ottobre, quindi, avremo un problema enorme e il governo mi dice cosa farà per potenziare i trasporti" e mettere in sicurezza le scuole? "Mi urta poi che si continua a trattare come una materia ideologica'' il diritto alla salute e "si continuano a fare delle cose che non hanno nessun senso'' come le "discoteche chiuse mentre la gente balla in piazza per l'Italia...ci rendiamo conto di quanto siano misure che non hanno senso?", rimarca la leader di FdI.  

“Sul green pass ho già detto di non essere d’accordo, perché la considero una misura inefficace, una misura economicida che devasta il nostro turismo. Nasceva da parte dell'Ue per favorire il turismo, applicato alla vita sociale, e in Italia quando non viene applicato negli altri paesi vuol dire far fallire un'altra stagione turistica".