Giustizia, proposta governo non convince M5S: intesa non c'è ancora - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Giustizia, proposta governo non convince M5S: intesa non c'è ancora

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Consiglio dei ministri, iniziato da circa un'ora dopo oltre due di attesa, è stato sospeso. Sul tavolo anche la riforma del processo penale. 

A quanto si apprende, i ministri M5S stanno arrivando a Palazzo Chigi per prendere parte al Cdm, dopo la riunione col leader in pectore del M5S Giuseppe Conte e i capigruppo di

Camera e Senato per fare il punto sulla proposta del governo per una nuova intesa sulla riforma Cartabia. 

Ma a quanto apprende l'Adnkronos da autorevoli fonti, la proposta del governo per rivedere la riforma Cartabia sul processo penale non ha convinto il M5S: l'intesa non c'è ancora. Nella griglia dell'improcedibilità, la richiesta del M5S, devono rientrare i processi che riguardano i reati del 416 bis.1, "e nella bozza di accordo - spiegano le stesse fonti - questi reati sono rimasti fuori. Così non ci stiamo". 

"I processi che riguardano i reati del 416 bis.1, che agevolano l'attività delle associazioni di tipo mafioso o si avvalgono dell’appartenenza alla mafia oltre al concorso esterno, non possono concludersi con un nulla di fatto. Cioè sulla mafia non si transige" è quanto trapela all'Adnkronos dai vertici del M5S. 

"Per intenderci - spiegano le stesse fonti - si tratta di casi come il tentato omicidio, corruzione, tentata strage, estorsione, riciclaggio, sequestro di persona commessi per agevolare la mafia".