Vaccino covid, Renzi: "Terza dose inevitabile" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mer, Set

Vaccino covid, Renzi: "Terza dose inevitabile"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La terza dose di vaccino covid per Matteo Renzi è "inevitabile e necessaria e prima si parte meglio è". Il leader di Italia Viva si esprime nella sua Enews sul tema che monopolizza il dibattito sul coronavirus. Per il Covid "è una strada ancora lunga, come ha spiegato il professor Fauci qualche giorno fa. Ma è una

strada molto più pianeggiante dei mesi scorsi, quando invece dovevamo scalare montagne impervie. Abbiamo il vaccino, fondamentale. Io sono tra quelli che pensano che la terza dose sia inevitabile e necessaria e prima si parte meglio è", scrive Renzi 

"Ma, indipendentemente da questo mio giudizio, non dimentichiamo -aggiunge l'ex premier- che stanno finalmente arrivando i monoclonali di cui abbiamo parlato anche nei nostri incontri con il professor Rappuoli. Torneremo su questo argomento perché è decisivo. E perché dimostra, una volta di più, che sulla sanità vanno messi più soldi, anche utilizzando il Mes". 

Capitolo Afghanistan: "La tragedia dell’aeroporto fa male al cuore, molto male al cuore. Ma dobbiamo essere intellettualmente onesti: non è che l’inizio. Gli estremisti islamici che i Talebani dicono di voler condannare a parole sono gli stessi che nella precedente esperienza di governo talebana hanno trovato rifugio grazie alle sponde di Kabul. Oggi la priorità è l’evacuazione, certo", scrive Renzi. "Ma la verità è che, da quando abbiamo scelto di lasciare l’Afghanistan, il mondo è un posto meno sicuro. E che questa consapevolezza deve portare a una svolta almeno tre player istituzionali: il G20, la Nato, che sta facendo figuracce sul terreno e non può limitarsi a fare improbabili conferenze stampa; l’Europa", prosegue. 

"Nel frattempo, i Talebani -aggiunge l'ex premier- fanno una cosa che mi colpisce molto: proibiscono la musica. Voi direte: 'ma che te frega della musica quando ci sono le bombe?'. Certo, le immagini dei corpi smembrati all’aeroporto sono fonte di dolore e lasciano sbigottiti. Ma l’idea che sta alla base dell’estremismo non vuole farti solo paura con il terrore. Quando non ti uccide, l’estremismo vuole farti vivere nel terrore, senza gioia, nell'angoscia. Senza la musica, senza la cultura, senza la bellezza. È una forma di tortura anche questa".  

"I Talebani uccidono il comico Nazar Mohammad: non possono tollerare che si balli, che si canti, che si rida, che si studi. Siamo davanti -conclude Renzi- a una battaglia militare ma anche a una gigantesca battaglia culturale".