M5S, Di Maio: "Gazebo distrutto a Milano, incivili" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

M5S, Di Maio: "Gazebo distrutto a Milano, incivili"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Incivili, questa di sicuro non è democrazia. Gli episodi di ieri a Milano vanno condannati fermamente. Una vera e propria aggressione ai danni degli attivisti del Movimento 5 Stelle che pacificamente in piazza stavano raccogliendo le firme per la presentazione delle liste alle comunali di Milano. Sono stati momenti di tensione e paura,

è doveroso che tutte le forze politiche prendano le distante da questa vile aggressione”. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, sull'episodio avvenuto ieri durante la manifestazione dei No Green pass dove un gazebo del Movimento è stato distrutto. 

"Aggredire chi fa politica in modo democratico e pacifico è inaccettabile. Le immagini dell'assalto al gazebo M5S a Milano sono terribili e non devono più ripetersi. A tutta la comunità del M5S va la mia solidarietà", il commento del ministro della Salute, Roberto Speranza.  

"Quello che è accaduto a Milano è di un’estrema gravità. Distruggere il nostro gazebo è stato un vile atto di squadrismo che non può restare impunito". Lo scrive in un post su Facebook Gianluca Ferrara, vicecapogruppo M5S al Senato. "Purtroppo - aggiunge - la destra nel nostro Paese sta da troppo tempo seminando odio e rancore e questi sono i risultati. Mi domando dove fossero le Forze dell’Ordine. In ogni caso ci saranno tutti i modi per chiarire ogni punto. Un abbraccio va ai nostri attivisti milanesi e al mio collega Daniele Pesco che con un atteggiamento non violento hanno resistito all’aggressione. Immagino personaggi come Meloni e Salvini come avrebbero fatto i martiri se fosse accaduto ai loro partiti e immagino altresì che risonanza mediatica ci sarebbe stata. L’unica certezza è che, dopo le recenti aggressioni e minacce dalla criminalità organizzata a membri del M5S, anche questo episodio non ci farà retrocedere di un centimetro".