Aggressione giornalista, Renzi: "Quel collaboratore scolastico va licenziato" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Mer, Set

Aggressione giornalista, Renzi: "Quel collaboratore scolastico va licenziato"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Aggressioni e violenze in piazza da parte di alcuni no vax. ''Per me quel collaboratore scolastico va licenziato... Un collaboratore scolastico mette le mani su un giornalista? Per me deve andare di corsa a casa'' ha detto Matteo Renzi ospite di 'In Onda' su La7. "Sono una sparuta minoranza'', ma ''per me serve la linea dura senza alcun

buonismo". ''Io sono per l'obbligatorietà del vaccino. Quello che ha picchiato Giovannetti era un collaboratore scolastico e nella scuola c'è l'obbligo vaccinale. Ci sarà bisogno di una terza dose. Serve una battaglia culturale. Non hai il Green Pass? allora non puoi entrare in alcuni luoghi. Vuoi bloccare le stazioni? E no...Ragazzi, qui ci vuole la forza pubblica...". 

"Chi prende a cazzotti i giornalisti non è degno di stare nella scuola pubblica di questo Paese" ha ribadito poi in un post su Facebook. "Un gesto come quello contro il videomaker di Repubblica merita il licenziamento".  

''Non so chi vincerà a Roma, è una partita complicata...'' ha detto Renzi, parlando delle elezioni del sindaco della Capitale. ''A Roma c'è la partita più aperta. Se io fossi romano, voterei Calenda...''. ''Le amministrative in generale le vincerà più il centrosinistra che il centrodestra...". 

''Se Draghi va al Colle, hai per sette anni un signor presidente della Repubblica che prosegue il mandato ottimo di Mattarella. Se Draghi, invece, resta a palazzo Chigi, abbiamo un premier molto autorevole in Europa nel 2022, che è un anno decisivo. Il 2022, infatti, è quello in cui si danno le carte in Europa. Quello che io preferisco, lo dico a febbraio, anche perché, innanzitutto, ci vuole rispetto per Mattarella e poi per Draghi che sta facendo un ottimo lavoro. Comunque, ne parleremo a febbraio''. Chi sarà il prossimo capo dello Stato? ''Mi avete confuso con Paolo Fox'', scherza Matteo Renzi.