Mauriello (Meritocrazia Italia): "Riduzione parlamentari errore" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Ven, Set

Mauriello (Meritocrazia Italia): "Riduzione parlamentari errore"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La riduzione del numero dei parlamentari è stato un errore". Lo ha detto Walter Mauriello, presidente di Meritocrazia Italia, nel suo intervento di chiusura della sessione pomeridiana del congresso del movimento. 

"Avevamo un indice di rappresentatività altissimo che era un vanto. Tanti parlamentari -ha spiegato

Mauriello- servono ai cittadini, alla casta bastano 3 persone. I cittadini restano sudditi, perché la riduzione doveva andare insieme alla riforma della legge elettorale. Ora chi ha più disponibilità economica ha più possibilità di diventare parlamentare". 

Mauriello ha parlato anche di ddl Zan, "su questo Meritocrazia si è divisa ma siamo giunti poi alla conclusione che è una norma non a tutela, ma che esclude altre posizioni, quindi crea contrapposizione anziché uguaglianza. Di fondo ok ma va ristrutturata". Quanto al reddito di cittadinanza, "aiutare e sostenere è meritocratico, non è meritocratico creare assistenza a persone che non si possono sostenere", ha detto il presidente.