Roma, CasaPound: "Candidati nei municipi? Nessun accordo ma scelte individuali" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Sab, Set

Roma, CasaPound: "Candidati nei municipi? Nessun accordo ma scelte individuali"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

“Nessun accordo coi partiti, ma scelte individuali di nostri iscritti da anni attivi politicamente sui territori e che porteranno avanti le nostre istanze”. Lo dichiara all’Adnkronos Luca Marsella, consigliere uscente del X Municipio di Roma in risposta alla polemica nata dalla presenza nelle liste della Lega dei municipi

romani di alcuni ex candidati di CasaPound.  

“Da tempo abbiamo scelto - spiega Marsella - di non presentarci alle elezioni con il nostro simbolo, perché riteniamo che il ruolo di CasaPound sia quello di laboratorio politico e culturale, fonte di idee e proposte in un panorama politico vuoto di contenuti e ossessionato da percentuali, sondaggi, calcoli elettorali e like sui social network. Ciò non toglie, che a Roma come in altre città in tutta Italia, CasaPound è presente sui territori, nelle periferie e ha costruito negli anni un solido radicamento che gli altri partiti non hanno”.