Lega, Giorgetti: "Ce ne è una sola, fatevene una ragione" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Lega, Giorgetti: "Ce ne è una sola, fatevene una ragione"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Di Lega ce ne è "una sola, fatevene una ragione" e non ci sono due linee al suo interno: "Per niente. Al massimo sensibilità diverse. Amando le metafore calcistiche direi che in una squadra c'è chi è chiamato a fare gol e chi è chiamato a difendere. Io per esempio ho sempre amato Pirlo. Qualcuno deve segnare,

qualcuno deve fare gli assist". Lo dice, intervistato dalla 'Stampa', il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. 

Quanto a Draghi, "vorrei che rimanesse lì per tutta la vita. Il punto è che non può" perché "appena arriveranno delle scelte politicamente sensibili la coalizione si spaccherà. A gennaio - spiega - mancherà un anno alle elezioni e Draghi non può sopportare un anno di campagna elettorale permanente. Da gennaio la musica sarà diversa. I partiti smetteranno di coprirlo e si concentreranno sugli elettori". Secondo Giorgetti, "l'interesse del Paese è che Draghi vada subito al Quirinale, che si facciano subito le elezioni e che governi chi le vince".