Elezioni Roma, Calenda: "Vincerà Gualtieri, Michetti dice cose assurde" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Sab, Ott

Elezioni Roma, Calenda: "Vincerà Gualtieri, Michetti dice cose assurde"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Alle elezioni per il sindaco di Roma "vincerà Gualtieri". Risponde secco Carlo Calenda, leader di Azione, intervenendo a '24 Mattino' su Radio 24 su chi vincerà il ballottaggio nella Capitale. Non perché, si spiega, non veda "magagne dietro una classe dirigente che a me fa orrore", ma perché Michetti "dice delle cose

assurde", come quando ha rivendicato di "non essere andato a Bruxelles". Ma insomma, sottolinea l'ex candidato a sindaco di Roma, "dobbiamo spendere un sacco di soldi del Pnrr, questo è un ragionamento molto grillino, sembra di rivedere la Raggi al maschile. Dice le stesse cose, un po' populista, un po' antipolitica", cose "che non hanno niente a che fare con il risolvere i problemi della città o gestire una capitale europea".  

"Andrò alla manifestazione di sabato lanciata dalla Cgil", sottolinea quindi Calenda, che continua: "Sono distante dalla Cgil su moltissime tesi eppure ci vado", come succede all'estero, "la destra italiana deve imparare a prendere le distanze ed essere netta su queste cose, altrimenti non avremo mai un confronto normalizzato tra destra e sinistra, moderni ed europei".  

Calenda è convinto che in Italia ci sia bisogno di "una destra che sia europeista senza sconfinare in ambiti che non appartengono alla destra moderna e europea". "Non so se la Meloni dentro di sé è fascista o no - spiega - Non penso che voglia l'avvento del fascismo però l'alleanza della Meloni con tutti i movimenti neofascisti, neofranchisti, dimostra che c'è un problema grosso di posizionamento della destra italiana rispetto alla quale Forza Italia purtroppo è portatrice di una ipocrisia gigantesca, nel senso che Tajani quando sta a Bruxelles condanna i gruppi della Meloni e della Lega e quando torna in Italia sta sottomesso a loro".  

L'ex candidato a sindaco di Roma specifica di essere "contrario all'idea di dipingere sempre l'avversario come fascista e anche in questa vicenda degli attacchi, penso a Provenzano verso la destra italiana, non sono d'accordo. Penso sia molto sbagliato vedere il fascismo ovunque, però qui c'è un dato veramente molto grave: una irruzione in una sede sindacale non si vedeva appunto dal fascismo e va detto, con grande fermezza da parte di tutte le forze politiche, che queste cose non sono tollerabili".