Reddito cittadinanza, Salvini: "A Draghi chiesto di tagliarlo abbondantemente" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Reddito cittadinanza, Salvini: "A Draghi chiesto di tagliarlo abbondantemente"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

A Draghi "ho chiesto di tagliare abbondantemente il reddito di cittadinanza, va dato a chi non può lavorare, a chi è disabile e non ce la fa, no a chi non vuole lavorare, che è una offesa a chi si alza alle 5 di mattina". Così Matteo Salvini, da Seveso, dove si è recato in vista del ballottaggio, che vede in

corsa la candidata Alessia Borroni. ''Il reddito di cittadinanza così com'è, è un disincentivo al lavoro, un incentivo ai furbetti e agli evasori... Anche di questo abbiamo parlato con il presidente Draghi'', ha aggiunto sottolineando: "Non ci sono redditi di cittadinanza da regalare a quelli che passeggiano per strada, quel poco che c'è va dato a chi fatica a Seveso, e non a chi arriva domattina". "Tra noi e la sinistra - spiega - ci sono due visioni diverse, per esempio sulla sicurezza".Rdc: Meloni insiste, 'è metadone di Stato' 

"Il governo dice che va tutto bene, ma nessuno dice che abbiamo perso 1 milione di posti di lavoro, per esempio. Questo racconto non ve lo fa nessuno. La ricchezza non la fa lo Stato. La ricchezza la fanno le aziende e i lavoratori, lo Stato al massimo redistribuisce la ricchezza... La soluzione non è il reddito di cittadinanza che è metadone di Stato...'', ribadisce Giorgia Meloni, in diretta Fb a San Mauro Torinese.