Forza Nuova, Senato approva mozione centrodestra e odg centrosinistra - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
28
Dom, Nov

Forza Nuova, Senato approva mozione centrodestra e odg centrosinistra

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Passano entrambi al Senato sia l'odg unitario di Pd, M5S, Iv e Leu che chiede al governo lo scioglimento di Forza Nuova, sia la mozione del centrodestra che chiede un impegno a contrastare tutte le forze eversive. Nel caso dell'odg unitario hanno votato a favore Pd, M5S, Iv e Leu mentre Lega e Fi si sono astenuti e Fdi ha votato contro. Sulla

mozione del centrodestra, invece, ad astenersi sono stati Pd, M5S, Iv e Leu. Si sono registrati solo due voti contrari quello del dem Andrea Marcucci e di Sandro Ruotolo del Misto. Entrambe le votazioni sono avvenute per alzata di mano.  

"Passa al Senato mozione di Pd-M5S-Leu per lo scioglimento di Forza Nuova e altre organizzazioni fasciste. Astenuti Forza Italia e Lega. Contraria Meloni. E’ evidente che una destra che non recide i legami con il neofascismo non è adatta a governare. Oggi l’ennesima conferma". Così il coordinatore di Art.1, Arturo Scotto, su Twitter. 

Non è una vera e propria retromarcia ma, con la trasformazione delle mozioni che chiedevano lo scioglimento di Forza nuova e delle organizzazioni politiche di matrice fascista in un odg, la linea dura giocoforza si ammorbidisce. E' un'operazione di realpolitik quella attuata da Pd, Leu, Psi, M5s, Iv e delle Autonomie al Senato, che nel testo presentato in sostituzione delle mozioni si "impegna il governo a valutare le modalità per dare seguito al dettato costituzionale in materia di divieto di riorganizzazione del disciolto partito fascista e alla conseguente normativa vigente, adottando i provvedimenti di sua competenza per procedere allo scioglimento di Fn e di tutti i movimenti politici di chiara ispirazione fascista, artefici di condotte punibili ai sensi delle leggi attuative della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione repubblicana".  

La mozione del Pd, così come quella depositata dal M5S con lo stesso dispositivo, impegnava invece il "Governo a dare seguito al dettato costituzionale in materia di divieto di riorganizzazione del disciolto partito fascista e alla conseguente normativa vigente, adottando i provvedimenti di sua competenza per procedere allo scioglimento di Forza Nuova e di tutti i movimenti politici di chiara ispirazione neofascista artefici di condotte punibili ai sensi delle leggi attuative della XII disposizione transitoria e finale della Costituzione repubblicana". 

L'odg essendo un atto parlamentare di indirizzo rivolto al governo, in pratica si riallinea alle norme previste nell'articolo 3 della cosiddetta Legge Scelba del 20 giugno 1952 che vieta la ricostruzione dei partiti di ispirazione fascista. "Qualora - recita il testo della legge Scelba - con sentenza risulti accertata la riorganizzazione del disciolto partito fascista, il ministro per l'Interno, sentito il Consiglio dei Ministri, ordina lo scioglimento e la confisca dei beni dell'associazione o movimento. Nei casi straordinari di necessità e di urgenza, il Governo, sempre che ricorra taluna delle ipotesi previste nell'art. 1, adotta il provvedimento di scioglimento e di confisca dei beni mediante decreto-legge ai sensi del secondo comma dell'art. 77 della Costituzione".