Manovra 2022, taglio a Reddito cittadinanza e quota 102: le proposte - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Gio, Dic

Manovra 2022, taglio a Reddito cittadinanza e quota 102: le proposte

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Più controlli e una riduzione dell'assegno del reddito di cittadinanza già a partire dalla seconda proposta di lavoro rifiutata. Per quanto riguarda le pensioni, quota 102 ma solo per il 2022. Sarebbero queste le proposta del governo avanzate dal ministro Daniele Franco alla cabina di regia con le forze di maggioranza e il premier

Mario Draghi in vista del Cdm di domani sulla manovra. Lo si apprende da fonti presenti all'incontro. 

"C'è ancora da lavorare". Così fonti M5S di primo piano riguardo al 'restyling' proposto sul reddito di cittadinanza. Fonti presenti all'incontro raccontano all'Adnkronos che il capodelegazione M5S, Stefano Patuanelli, avrebbe detto che "sì, lo spirito delle modifiche è quello giusto" -centrali i maggiori controlli- ma che il Movimento si riserva di "valutare l'equilibrio complessivo" delle modifiche apportate. Che passano anche da una riduzione all'assegno di rdc alla seconda proposta di lavoro rifiutata. Dunque non un sì incondizionato. Lo schema, per il M5S, è "da approfondire e rivedere".  

Nella cabina di regia si discuterà anche del ddl concorrenza, domani sul tavolo del Cdm insieme alla legge di bilancio riferiscono le stesse fonti presenti all'incontro. 

Confermato l'impianto del Documento programmatico di bilancio inviato a Bruxelles, con le voci di spesa. Il nodo pensioni, riferiscono fonti presenti alla riunione, non è stato ancora affrontato. 

Fonti di governo confermano all'Adnkronos che è la cosiddetta 'quota 41' la proposta avanzata dalla Lega. Si tratta dell'ultima mediazione del Carroccio per tentare un accordo sul fronte pensioni, in vista del Cdm che domani varerà la legge di bilancio. Si tratta di un '41 quota fissa', spiegano fonti di governo, nel senso che i 41 anni di contributi vanno abbinati ai 62 anni di età, col risultato di un quota 103 con criterio di contribuzione che resta sostanzialmente fisso. Questo per il 2022, perché per il 2023 l'impianto proposto dalla Lega, e a cui lavora in prima linea l'ex sottosegretario al Mef e attuale responsabile del Lavoro per il Carroccio Claudio Durigon, prevede schema 63+41, che, numeri alla mano, fa 104.