Otto e mezzo, Giannini: "Non mento, da Renzi vergognosa manipolazione"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Gio, Ago

Otto e mezzo, Giannini: "Non mento, da Renzi vergognosa manipolazione"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Massimo Giannini e Matteo Renzi, botta e risposta prolungato dopo la puntata di Otto e mezzo su La7. "Constato, con mesto raccapriccio, che il senatore Renzi torna sulla vicenda di una mia presunta condanna in causa persa contro Marco Carrai, e di un mio presunto risarcimento danni versato a suo beneficio.

alternate text

 

Ne aveva già parlato a sproposito ieri sera, durante la trasmissione 'Otto e Mezzo' su La7, nella quale eravamo entrambi ospiti. Ora vedo che rilancia sui suoi social network, esibendo come 'prova' un documento nel quale comparirebbero le mie 'scuse a Carrai' e un mio assegno a lui intestato, con tanto di mia firma, zoomata ad arte accanto all'assegno medesimo", dice in una nota il direttore de 'La Stampa'. 

"È penoso, per chi fa il mio mestiere con serietà e per chi fa politica con passione, ma mi vedo costretto a precisare quanto segue: non esiste alcuna 'condanna' né alcuna 'causa persa' da parte mia nei confronti di Marco Carrai. Il medesimo presentò una querela per diffamazione nei miei confronti, per un mio articolo su 'Repubblica' uscito nel 2016. La causa andò avanti per tre anni, e nel maggio del 2019 fu ritirata dal querelante, previa conciliazione di cui fa fede la lettera esibita dal senatore Renzi, nella quale mi limito a precisare di non aver offeso nessuno", spiega il giornalista. 

"Non esiste alcun 'risarcimento danni' da me versato a Marco Carrai -prosegue Giannini-. Dell'assegno esibito dal senatore Renzi io non conoscevo l'esistenza. Non porta la mia firma, come può vedere chiunque. Reca un importo di 3.000 euro (e già questo basterebbe a un essere umano dotato di medio buonsenso per capire che non può trattarsi di risarcimento danni). Infatti non lo è. Come può chiarire l'azienda editoriale dalla quale dipendo, e come finge di non sapere il senatore Renzi, è invece un semplice concorso alle spese legali, che le parti condividono quando una causa viene ritirata".  

"E questo è tutto. A dispetto di quello che continua a propalare il senatore Renzi, non ho mentito a 'Otto e Mezzo' e non mento adesso. Detto questo - conclude il direttore de 'La Stampa' - non posso non constatare con profonda amarezza come queste continue campagne di delegittimazione nei confronti dei giornalisti e queste vergognose manipolazioni dei fatti, operate sistematicamente dal leader di Italia Viva, stiano portando davvero la politica al grado zero della dignità e della decenza". 

"Ieri Massimo Giannini mi ha accusato di dire falsità sulla vicenda Carrai. Vedendo il video ed i documenti ciascuno può farsi un’idea della verità dei fatti #ColpoSuColpo", ha scritto stamattina su Twitter Renzi pubblicando un carteggio tra Giannini e Carrai e ribadendo il contenuto di un tweet postato ieri. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.