Riforme, Zanda: "Ddl per mandato unico? Nessun legame con Mattarella bis" - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Gio, Dic

Riforme, Zanda: "Ddl per mandato unico? Nessun legame con Mattarella bis"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La proposta di riforma costituzionale è ancora in 'lavorazione'. "Stiamo finendo la relazione. Presenteremo la proposta la prossima settimana", spiega all'Adnkronos il senatore Luigi Zanda. L'ex-capogruppo Pd al Senato con Dario Parrini, presidente della commissione Affari Costituzionali di palazzo Madama, sta mettendo a punto un ddl

costituzionale che va a modificare l'articolo 88: ovvero il Capo dello Stato può essere eletto obbligatoriamente per un solo mandato, con conseguente scomparsa del semestre bianco.  

Perché questa proposta, senatore? "Non mi sembra una straordinaria novità è un tema che è stato affrontato più volte in passato. Il presidente Mattarella ha espresso più volte la sua opinione sul suo mandato. Segni e Leone ne avevano già parlato e lo avevano fatto molto chiaramente. Ma mi fermo qui perché stiamo ancora lavorando con altri colleghi e nei prossimi giorni presenteremo nel dettaglio la proposta".  

Non è stata ancora presentata ma già fa discutere, senatore... C'è chi vede in questo ddl costituzionale un segnale al Quirinale dal Nazareno, l'impegno a rendere possibile per l’ultima volta un reincarico, il Mattarella bis per intendersi. E così? "Quanta fantasia... Non c'è nessun legame nel modo più assoluto".