Mattarella e la guerra in Ucraina: "C'è libertà se ne godono tutti"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Ven, Set

Mattarella e la guerra in Ucraina: "C'è libertà se ne godono tutti"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Se "un Paese più forte e più grande pretende con la violenza delle armi e con la forza di imporre le proprie scelte ad un Paese confinante molto meno grande e molto meno forte", non si possono "chiudere gli occhi" e occorre "impegnarsi perché venga ripristinato il diritto internazionale", perchè "la libertà non è divisibile, né socialmente né territorialmente, si ottiene pienamente soltanto se ne godono anche gli altri, si realizza insieme a quella degli altri.

alternate text

 

Non c'è libertà piena se gli altri ne sono privi". Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, torna a sottolineare la necessità di fermare la guerra in Ucraina, ma tenendo ben presente che c'è un Paese che ha aggredito ed un altro che è stato aggredito e ricordando regole e valori che sono alla base della convivenza europea ed internazionale. 

Il Capo dello Stato parla a Padova, in occasione dell'800/mo anniversario dell'Ateneo cittadino. "Le università -ricorda- sono alla base delle fondamenta dell'Europa, della sua comunanza, della sua integrazione, a partire dall'inizio del millennio precedente, quando nei primi due secoli sono sorti i primi atenei che erano atenei europei. Questo ha creato un tessuto di cultura comune, di valori comuni, che, malgrado le differenze, è rimasto e si è accresciuto nel corso del tempo, resistendo anche all'epoca dei nazionalismi accesi, dei nazionalismi interpretati come contrapposizione tra gli Stati. Quel tessuto culturale comune si è sviluppato ed è quello su cui si basa oggi la convivenza europea e l'idea di integrazione nel nostro Continente".  

"Tutto questo stride oggi con quello cui assistiamo: un'aggressione nei confronti di un Paese confinante per imporgli le proprie scelte da parte di un Paese più grande e più forte". Proprio questi eventi, conclude Mattarella, rendono più forte l'"esigenza di tornare ai valori dell'Europa: questo tessuto di valori comuni che attraversa i popoli europei non può essere sacrificato, lacerandosi, di fronte alla prepotenza dell'uso della forza e di imporre con le armi le proprie scelte ad altri". (di Sergio Amici) 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.