Ucraina, Mattarella: "Premere su Russia perché cessi ostilità"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Lun, Lug

Ucraina, Mattarella: "Premere su Russia perché cessi ostilità"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - L’Italia ritiene che occorra "premere sulla Federazione Russa perché venga indotta a interrompere le ostilità e si giunga ad una tregua" nella guerra in Ucraina.

alternate text

 

Lo ha affermato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al termine dell’incontro al Quirinale con il presidente della Repubblica Algerina, Abdelmadjid Tebboune, in visita di Stato in Italia. 

Tra Italia e Algeria esiste "un’amicizia solida ed un partenariato strategico" e il nostro Paese è "grato" per l’intensificarsi della collaborazione nell’ambito dell’approvvigionamento energetico, ha detto Mattarella. "Sono molto lieto - ha sottolineato - che in luglio si svolga ad Algeri il quarto vertice intergovernativo tra Algeria e Italia, un appuntamento importante nel corso del quale mi auguro si possano firmare altre intese importanti come quelle che tra poco si firmeranno a palazzo Chigi. L’Algeria da tempo per l’Italia è un partner strategico per quanto riguarda l’energia oltre che per diversi altri aspetti e noi siamo riconoscenti all’Algeria per l’ulteriore intensificazione di questa collaborazione così come registrato nei mesi scorsi nei contatti intercorsi con il nostro governo". Una collaborazione "che si estende naturalmente alla ricerca di cooperare insieme nel segno della transizione ecologica". 

Inoltre, "vorrei sottolineare come l’Italia stia sollecitando da tempo nell’Unione europea un’intensificazione della collaborazione con l’Algeria e l’agenda per il Mediterraneo, recentemente definita dall’Unione europea, rappresenta un segno di avanzamento da parte dell’Unione e l’Italia intende intensificare gli sforzi perché cresca la collaborazione tra Algeria e Unione europea".  

"Sul fronte energetico, siamo disposti a dare quanto vuole da noi l'Italia. Siamo disposti a darglielo" ha detto il presidente Tebboune. "L'Italia è un Paese amico - ha ripetuto - Tra Italia e Algeria possiamo registrare ovunque un accordo totale in tutti settori, a partire da quanto sta accadendo nel Maghreb arabo, nel Mar Mediterraneo e in tutti i rapporti di cooperazione tra i nostri due Paesi". "Siamo convinti di rafforzare questa nostra relazione oltre a quella energetica", ha proseguito, parlando - al fianco di Mattarella - di rapporti "costruiti prima di tutto sulla fiducia tra noi due".  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.