Reddito, Salvini: "Soldi rubati da chi non fa una mazza"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Giu

Reddito, Salvini: "Soldi rubati da chi non fa una mazza"

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Reddito di cittadinanza? Soldi rubati da chi non fa una mazza, diamoli a chi vuole lavorare". Sono le parole di Matteo Salvini in un comizio a Erba in provincia di Como.

alternate text

 

"Alla prova dei fatti dopo tre anni su un milione e centomila lavoratori abili che percepiscono il reddito di cittadinanza, hanno ottenuto un contratto di lavoro a tempo indeterminato 4000, non è tanta roba. Quei soldi rubati da gente che sta a casa a non fare una mazza dalla mattina alla sera dovrebbero essere dati ai pensionati, ai precari e ai disoccupati veri che vorrebbero andare a lavorare".  

FISCO - "Non capisco perché sulla pace, non in Ucraina, ma la pace fiscale in Italia, Draghi non vada fino in fondo" dice Salvini. "Equitalia ha 140 milioni di cartelle esattoriali pronte a partire, che riguardano un italiano su quattro". "Questi mille miliardi che lo Stato aspetta di incassare e non incasserà mai... - ha aggiunto - non è meglio chiedere il 20% di questi soldi, stracciare quelle cartelle esattoriali? Lo Stato incassa e milioni di italiani tornano a vivere... Una pace fiscale dopo la pandemia e dopo la guerra ci sta...". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.