SALUTE. Alzheimer, neutralizzato gene chiave
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Giu
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

SALUTE. Alzheimer, neutralizzato gene chiave

SALUTE. Alzheimer, neutralizzato gene chiave

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Neutralizzato per la prima volta il gene più importante responsabile del morbo di Alzheimer.

SALUTE. Alzheimer, neutralizzato gene chiave
SALUTE. Alzheimer, neutralizzato gene chiave


Un team di ricercatori californiani ha identificato la proteina dannosa associata al gene EpoE4 e l'ha modificata per prevenire il danno ai neuroni. Lo studio, pubblicato su 'Nature Medicine' dall'equipe di Yadong Huang, potrebbe aprire la strada alla messa a punto di un nuovo farmaco in grado di bloccare la malattia. Ma gli stessi ricercatori invitano alla cautela, dal momento che il loro composto è stato testato solo su un campione di cellule in laboratorio.

Avere una copia del gene apoE4 si traduce in un rischio più che doppio di sviluppare la malattia di Alzheimer, mentre averne due copie aumenta il pericolo di 12 volte. Precedenti studi hanno indicato che circa una persone su 4 è portatrice del gene. Il team dei Gladstones Institutes di San Francisco è riuscito a stabilire se fosse la presenza o l'assenza della proteina 'nel mirino' a causare il danno. Utilizzando una speciale tecnologia, i ricercatori hanno creato dei neuroni a partire dalle cellule della pelle di malati di Alzheimer con due copie del gene apoE4. Confrontandole con quelle che non producevano la proteina, hanno concluso che la mera presenza di apoE4 fosse all'origine del danno cerebrale.

A quel punto il team ha applicato un 'correttore di struttura' che ha eliminato i segni di Alzheimer. I ricercatori stanno lavorando con l'industra farmaceutica per migliorare il composto e poterlo testare sui pazienti. "Lo sviluppo di farmaci per la malattia di Alzheimer è stato una sfida negli ultimi 10 anni. Molti medicinali funzionano bene nel modello murino ma hanno fallito nei trial clinici", riflette Yadong Huang. Il problema è che "il topo non sembra essere un modello attendibile della malattia umana". La speranza ora è di aver avviato un nuovo, più promettente, filone di ricerca.

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook