Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Mar
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-004
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Arriva fra le polemiche un farmaco che sospende la pubertà

Arriva fra le polemiche un farmaco che sospende la pubertà

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Centro Studi Livatino, mancano studi clinici; comitato bioetica, utile solo in alcuni casi

Arriva fra le polemiche un farmaco che sospende la pubertà
Arriva fra le polemiche un farmaco che sospende la pubertà

 

La molecola triptorelina, il farmaco che 'sospende' la pubertà, usato nei bambini e negli adolescenti con disforia di genere, la patologia per cui non ci si riconosce nel sesso di nascita, è stata inserita fra i medicinali erogabili a carico del Servizio sanitario nazionale. Lo attesta la Gazzetta ufficiale del 2 marzo che riferisce come con la Determina del 25 febbraio 2019 "il farmaco è erogabile a totale carico del Servizio Sanitario Nazionale in casi selezionati in cui la pubertà sia incongruente con l'identità di genere (disforia di genere), con diagnosi confermata da una equipe multidisciplinare e specialistica e in cui l'assistenza psicologica, psicoterapeutica e psichiatrica non sia risolutiva".

Il centro Studi Livatino (di cui fanno parte magistrati, docenti universitari e avvocati e che studia temi riguardanti come il diritto alla vita, la famiglia e la libertà religiosa) ricorda come, nel novembre scorso, dopo aver svolto un workshop a più voci sul tema, avevano inviato ad AIFA una lettera contenente una serie di riserve sul farmaco che, somministrato ad adolescenti affetti da Disforia di Genere (DG), provoca loro un blocco temporaneo (fino a un massimo di qualche anno) dello sviluppo puberale, con l'ipotesi che ciò 'alleggerisca' in qualche modo il 'percorso di definizione della loro identità di genere'.

"Oggi ribadiamo che - spiega il Centro Livatino - il farmaco viene immesso nell'elenco del SSN in carenza di studi clinici e di follow-up a lungo termine". Secondo il Cento Studi "è alto il rischio, adoperando la TRP per bloccare la pubertà fino a 4 anni circa, dai 12 ai 16 anni d'età, di indurre farmacologicamente un disallineamento fra lo sviluppo fisico e quello cognitivo del minore; inoltre, non esistono evidenze sull'effettivo pieno ripristino della fertilità nel caso di desistenza dal trattamento e di permanenza nel sesso di appartenenza". "Resta inoltre sospesa la questione del consenso all'uso del farmaco, vista la scarsa consapevolezza di adolescenti e preadolescenti circa le proprie potenzialità procreative". "Premesso poi che la capacità di agire viene raggiunta al compimento della maggiore età - prosegue il Centro Livatino - come faranno i medici a garantire che il consenso di un pre-adolescente sia 'libero e volontario'?". Da ultimo il centro Livatino solleva criticamente la questione sul fatto che fra i poteri di AIFA rientri quello di affrontare e risolvere questioni che coinvolgono beni di rilievo costituzionale. "Per questo chiediamo al Governo e al Parlamento se condividono che una materia talmente delicata, che coinvolge i minori e la salute, sia lasciata a scelte meramente amministrative" conclude.

Il Comitato Nazionale di Bioetica ha pero' successivamente precisato di non avere liberalizzato l'uso del farmaco triptorelina nei casi di disturbo dell'identità di genere (disforia), ma di avere solo raccomandato di usarlo solo in casi molto circoscritti. Lo afferma lo stesso Cnb in un comunicato, rispondendo ad alcune interpretazioni errate su un parere emesso sulla terapia, che può essere usata per ritardare lo sviluppo puberale. "Il CNB non ha liberalizzato l'uso della triptorelina in casi di disforia di genere - si legge - ma raccomanda di consentire l'uso di questo farmaco solo in casi molto circoscritti, con prudenza, con una valutazione caso per caso, chiedendo ad AIFA una determinazione di alcune condizioni etiche indispensabili".
Tra le condizioni etiche per l'uso della triptorelina off label, precisa il Cnb, ci sono "la presenza di una profonda sofferenza dei ragazzi con psicopatologie psichiatriche e che giungono al rischio di comportamenti autolesionistici e/o tentativi di suicidio, a causa dello sviluppo del corpo nella direzione non desiderata, ove le loro condizioni patologiche non siano altrimenti trattabili".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo