Nata molto prematura pesava 567 grammi, a 34 anni oggi lavora nel reparto che l'ha salvata
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Gio, Set
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Nata molto prematura pesava 567 grammi, a 34 anni oggi lavora nel reparto che l'ha salvata

Nata molto prematura pesava 567 grammi, a 34 anni oggi lavora nel reparto che l'ha salvata

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Storia di Tammy, ora aiuta bimbi

Nata molto prematura pesava 567 grammi, a 34 anni oggi lavora nel reparto che l'ha salvata
Nata molto prematura pesava 567 grammi, a 34 anni oggi lavora nel reparto che l'ha salvata

 

Quando è nata, tre mesi e mezzo prima della data prevista, pesava appena 567 grammi. Entrava per intero nella mano del suo papà. Ora, 34 anni dopo, Tammy Lewis, sconfiggendo anche lo spettro di un tasso di sopravvivenza stimato dai medici all'epoca al 5-10%, lavora nella terapia intensiva neonatale dove le è stata salvata la vita. A raccontare la sua storia, che arriva dal Texas, è un articolo online sulla Cnn. "Ero la bimba più piccola sopravvissuta nello stato del Texas in quel momento - racconta Lewis- sono nata a 24 settimane, la normale gestazione ne dura 40".

La donna ha trascorso i primi 3 mesi e mezzo della sua vita nella terapia intensiva neonatale allo Scott and White Hospital, ora denominata Centro medico pediatrico McLane Baylor Scott & White. Era estremamente prematura e aveva dei tubicini attaccati per aiutare i suoi piccoli polmoni a respirare. Anni dopo, lavora a fianco di alcuni degli stessi medici e infermieri che l'hanno salvata da bambina, come terapista di respirazione. Nel 2009,infatti ha iniziato a lavorare come terapista di respirazione proprio presso il McLane, sede di una terapia intensiva neonatale di livello quattro, che è il più alto livello di assistenza. Nel suo lavoro quotidiano, collega respiratori e tubi, proprio come quelli che l'hanno aiutata a respirare da bambina. Ha a sua volta due figli, 6 e 3 anni: nessuno dei due è per fortuna andato incontro alle sue stesse problematiche.

Mentre tratta i piccoli pazienti, porta al tempo stesso speranza alle loro famiglie, condividendo la sua storia di sopravvivenza e maternità con loro.
    L'ospedale l'ha inserita nella sua "Hall of Hope", una sorta di muro della speranza, dove ci sono i bambini con storie difficili che sono sopravvissuti. "Spesso i genitori hanno notizie approssimative e si percepisce che hanno bisogno di un po 'di luminosità e speranza- conclude Lewis- ci sono storie di successo e io sono uno di queste".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook