tm_en_728x90 virtuemart_en_468x60 joomla_en_970x90 drupal2_en_728x90 wp_en_970x90 moto_en_728x90 Meningite, i più a rischio sono adolescenti e bimbi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Gen
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Meningite, i più a rischio sono adolescenti e bimbi

Meningite, i più a rischio sono adolescenti e bimbi

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Galli (Simit), anche chi ha alcune malattie e chi va spesso in Africa

Meningite, i più a rischio sono adolescenti e bimbi
Meningite, i più a rischio sono adolescenti e bimbi

 

Sono i bambini e gli adolescenti, insieme a persone con alcune specifiche patologie, le persone più a rischio di contrarre la meningite batterica, malattia invasiva che può avere conseguenze gravissime, fino ad arrivare a essere letale. E' a loro che è raccomandato vaccinarsi contro i cinque principali tipi di meningococco (A,B,C,W135,Y). A ricordarlo, è Massimo Galli, past president della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) e professore ordinario di Malattie Infettive Università degli Studi di Milano.

Ognuno di noi, spiega l'esperto, "entra a contatto almeno una volta nella vita con il batterio della meningite e il 10% delle persone tra 15 e 25 anni si portano il batterio in gola per un periodo abbastanza lungo". Ad ammalarsi è una percentuale minima (circa 200 persone l'anno) delle migliaia e migliaia di 'carrier' mentre nella stragrande maggioranza dei casi le persone si autoimmunizzano. Ad aver bisogno di un vaccino sono invece soprattutto bambini o ragazzi, che hanno un sistema immunitario in formazione e fanno un tipo di vita sociale intensa in cui è favorito lo scambio di batteri. Per questo, il Calendario Vaccinale raccomanda che i bambini vengano vaccinati per il meningococco B nel corso del primo anno di vita (3 dosi nei primi sei mesi di vita e un richiamo al 13/mo mese), mentre la vaccinazione anti-meningococco C (spesso somministrato come quadrivalente insieme a A, W135 e Y) è fortemente raccomandata nei bimbi che hanno compiuto un anno (con un richiamo da adolescenti), e tra i 12 e i 18 anni.

Tra gli adulti, invece, a essere a rischio di malattia menigococcica invasiva e dunque a necessitare il vaccino, prosegue Galli, "sono persone portatrici di rari assetti genetici che comportano riduzione di alcune risposte immunitarie e persone con alcune malattie, come coloro a cui è stata asportata la milza, pazienti con talassemia, anemia falciforme, le persone con epatopatie gravi, diabete giovanile o insufficienza renale". Ci sono poi, conclude l'esperto, altre categorie a cui sarebbe consigliabile il vaccino, ovvero "i professori e gli operatori sanitari, perché lavorano a stretto contatto con contesti in cui il batterio si diffonde di più, e chi viaggia nell'area Sub Sahariana, la cosiddetta Meningitis Belt, perché caratterizzata da maggior frequenza di infezioni menigocciche".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook