Coronavirus, 92 morti in Iran. In totale 2.922 casi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
30
Mer, Set
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, 92 morti in Iran. In totale 2.922 casi

Coronavirus, 92 morti in Iran. In totale 2.922 casi

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In Iran sono ormai 92 le vittime a causa dell'epidemia di coronavirus.

Coronavirus, 92 morti in Iran. In totale 2.922 casi
Coronavirus, 92 morti in Iran. In totale 2.922 casi (afp)

 

Il nuovo bilancio ufficiale è stato confermato dal portavoce del ministero della Salute di Teheran, Kianooush Jahanpour, durante una conferenza stampa trasmessa da Press Tv. Secondo le autorità della Repubblica Islamica, nel Paese si registrano in totale 2.922 contagi.

Fra i contagiati, anche il ministro iraniano dell'Industria, delle Miniere e del Commercio, Reza Rahmani, risultato positivo al test per il coronavirus. Lo riferisce il sito di informazione Asr-e Iran, spiegando che il ministro è ricoverato in un ospedale di Teheran e ''le sue condizioni di salute stanno migliorando''.

L'autorità farmaceutica iraniana ha dato il via libera alla sperimentazione di due nuovi farmaci per la cura del coronavirus. Lo ha annunciato il direttore di Scienze mediche della Baqiyatallah University, Ali-Reza Jalali, spiegando che sono iniziati oggi i test clinici in ospedale. Entrambi i medicinali sono a base di erbe e vengono somministrati sotto forma di spray, ha spiegato Jalali.

Queste medicine aiutano i pazienti a riprendersi più velocemente, ma non possono essere intese come una cura definitiva, ha precisato il medico iraniano all'agenzia di stampa Irna, aggiungendo che potrebbero essere necessari 2-3 mesi prima di concludere la sperimentazione necessaria a mettere i farmaci sul mercato.

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook