Coronavirus, lettera medico Milano: "Non sprecate i nostri sacrifici"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Sab, Ago
Visita il sito "il Centro Tirreno.com"
News - Arte e Cultura Eventi
Visita il sito "Nutrizione"
Nutrizione - Salute & Benessere
Visita il sito "La finestra sullo Spirito"
Approfondimenti di Cultura
Visita il sito "Partner"
Partner - il Centro Tirreno

Coronavirus, lettera medico Milano: "Non sprecate i nostri sacrifici"

Coronavirus, lettera medico Milano: "Non sprecate i nostri sacrifici"

Salute e Benessere
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Solo se resterete a casa potremo dire che ce l'abbiamo fatta".

Coronavirus, lettera medico Milano:
Coronavirus, lettera medico Milano: "Non sprecate i nostri sacrifici"

 

E' l'appello accorato rivolto ai cittadini da uno dei tanti medici del Policlinico di Milano in prima linea contro l'emergenza coronavirus. Il dottore vuole restare anonimo, ma ha scritto una lettera aperta per dar voce a tutto il personale sanitario al lavoro senza sosta in questi giorni. Nelle sue parole ci sono la responsabilità e la passione che animano l'attività di tutto il personale sanitario, ma anche il timore e il senso di incertezza provati di fronte a un nemico nuovo. Il racconto di "sacrifici che non devono essere sprecati". 

"Grazie a tutti voi per i messaggi di incoraggiamento che continuiamo a ricevere - scrive il medico - In questi giorni è psicologicamente estenuante venire in ospedale, siamo impegnati al massimo per gestire l'emergenza mai verificatasi prima del Covid-19. E' evidente che stiamo affrontando qualcosa di nuovo e di imprevedibile, per cui stiamo impegnando tutte le nostre energie, e dovremo farlo in maniera sempre maggiore. Io sono pronto perché questo è il motivo per cui ho scelto di diventare un medico", assicura chiedendo però l'aiuto di tutti: state a casa, è il messaggio ribadito più volte. 

"Nei miei colleghi, così come negli specializzandi e nel personale infermieristico - riferisce il camice bianco dell'Irccs di via Sforza - vedo quotidianamente, assieme all'orgoglio, anche un senso di incertezza per quello che ci attende; in questi giorni intensi affrontiamo le guardie in modo diverso, consapevoli anche dei rischi del contagio e del pericolo che ne potrebbe derivare per la nostra salute e per quella dei nostri cari. Per questo spero che il numero dei contagi si riduca il prima possibile e invito sempre tutti coloro che possono a restare a casa, attenendosi pedissequamente all'isolamento richiesto dalle autorità". 

"Sono sicuro che alla fine di tutto, con la collaborazione di tutti i cittadini - conclude il medico - saremo in grado di dimostrare all'intera comunità come anche il nostro Policlinico, il più antico ospedale di Milano, sia stato in grado di affrontare e superare l'emergenza del Covid-19".

Author: Red AdnkronosWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
il Cntro Tirreno.it - Salute & Benessere

Seguici anche su Facebook